La pensione d'oro di Bertolaso è un regalo di Brunetta

image_pdfimage_print

di Roberta Carlini da capo del Dipartimento della Protezione civile nonché sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega all’emergenza rifiuti in Campania, ha annunciato il suo imminente pensionamento. Omaggi, sberleffi, critiche, bilanci. E una domanda: come fa Bertolaso ad andare in pensione a soli 61 anni? La finestra per il buen retiro gliel’ha aperta Brunetta, con il suo decreto del 2008 che permette ai dipendenti della pubblica amministrazione di essere “esonerati dal servizio nel quinquennio antecedente la data di maturazione dell’età massima contributiva di quarant’anni”. Lo stesso decreto (all’art. 72) detta poi le condizioni dell’esonero. E sono condizioni assai vantaggiose per il nostro. Infatti si stabilisce che finché non matura il diritto alla pensione – a 65 anni – il dipendente esonerato prenderà il 50% dello stipendio che aveva al momento di lasciare; ma la percentuale sale al 70% nel caso in cui si svolga attività di volontariato (cosa che il generoso Bertolaso ha già annunciato pubblicamente di voler fare, del resto è già nel ramo). Nello stesso periodo, sempre ex art. 72, il nostro potrà anche svolgere attività di lavoro autonomo retribuito per chi vuole. Ma il vero vantaggio del pensionamento arriva dopo: quando la legge stabilisce che, al momento del compimento dell’età giusta, la pensione sarà calcolata “come se fosse rimasto in servizio”. Cioè, come se fosse ancora Capo dipartimento (euro 179.723 annui) e contemporaneamente sottosegretario (retribuzione parificata a quella di un parlamentare). Anche se nel frattempo saranno cambiati – speriamo – governo e parlamento. Dunque grazie alla legge Brunetta, Guido Bertolaso, congela il tempo, e il magico momento che ha vissuto cumulando le due cariche. Momento magico che, dato il contesto politico, non sarebbe comunque durato a lungo. Chapeau.

0 Comments

  1. Dario Colombera

    Siamo arrivati ad una cultura dove la disonestà e l’incapacità premiano più della competenza e della rettitudine. In queste condizioni temo che l’attuale crisi sia l’ultima, preludio di una catastrofe ben più grave, che non aspetterà il novembre 2012

    Reply
  2. gelsomina

    Io credo che sia scandaloso, frutto delle ingiustizie e impunità di cui i nostri governanti si sentano.
    Fanno vermanete schifo, sono vomitevoli.
    e poi il caro brunetta ci vuole moralizzare e parla male dei dipendenti pubblici dhe guadagnano sicuramente cifre molto co ntenute e spesso meritate e sudatre.
    Loro sì che meritano la galera!
    Sono disgustata, amareggiata.
    Gelsomina Ciarelli

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *