WTO: sberleffo numero 1

image_pdfimage_print

The yes men è un documentario che ci racconta le gesta di un gruppo di amici, decisi a smascherare con l’arma della satira l’ipocrisia e la disumanità delle politiche del WTO. Dopo aver creato un sito web finto ufficiale – www.gatt.org (vedi recensione successiva) – malgrado le enormità che vi erano scritte hanno ricevuto alcuni inviti a serissimi convegni e incontri che richiedevano la loro presenza come esponenti del WTO. La commedia si è così spostata dal virtuale al reale, con risultati incredibili. In dibattiti televisivi, conferenze, lezioni universitarie i nostri eroi non han fatto che esporre, in modo esplicito e brutale, la vera anima del WTO: dal controllo dei cervelli grazie all’istruzione privata fino agli hamburger riciclati per il terzo mondo, senza suscitare stupore né scandalo, ma spesso ottenendo ascolto ed attenzione. Fino a recitare un sentito mea culpa per i danni planetari prodotti e proclamare a nome del WTO il suo scioglimento e rifondazione su altri principi. Nel plauso commosso di una platea di (veri) commercialisti australiani…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *