WSF Porto Alegre 2003 – L'EMBARGO AL CONTRARIO PROPOSTO DAL CONSIGLIERE ONU

image_pdfimage_print

Un embargo al contrario, che blocchi i flussi di capitali e risorse che lasciano i Paesi del Sud del mondo per arricchire le tasche degli speculatori del Nord: questo il suggerimento rivolto ai Paesi emergenti dal consigliere delle Nazioni Unite per l’alimentazione Jean Stigler. ”Il libero commercio – ha spiegato il sociologo svizzero – implica il controllo delle corporazioni transnazionali sulle risorse naturali nel mondo, principalmente sul pertrolio, le risorse minerali, l’acqua e la biodiversita’. Il crollo dei prezzi, causato dalla sempre maggiore concorrenza, ha aumentato la dipendenza di molti Paesi emergenti dalle importazioni dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea, e una crescita esponenziale del debito estero. I governi nazionali, tuttavia, per il bene dei loro cittadini, devono saper dire basta, devono poter bloccare le importazioni e promuovere un’autarchia di sopravvivenza che li liberi da questa spirale senza fine”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *