14 novembre 2018

Visti da fuori

image_pdfimage_print

Cosa ne pensa la stampa internazionale della prematura morte di Marco Pantani? E invece della lista unitaria dell’Ulivo? E del caso Parmalat? E, tanto per essere un po’ retorici, del nostro caro presidente del consiglio e delle sue vicende politico-estetico-giudiziarie?
Italieni.it ci fa una rassegna abbastanza completa dell’informazione internazionale che si occupa della nostra cara bella Italia e delle sue vicissitudine politiche, economiche, culturali e di cronaca. Le fonti sono quotidiani, settimanali, mensili, cartacei e informazione on-line, usati da Internazionale per la rassegna stampa settimanale. Iscrivendosi alla newsletter è, inoltre, possibile essere aggiornati di giorno in giorno sulle nuove notizie.
Insomma qualche volta, anche a noi italia(e)ni egocentrici, farebbe bene vederci come stranieri a noi stessi! E questo sito ce ne dà una prima opportunità. (s.g.)

La tragedia
afgana
il film
Osama di Siddig Barman, Afghanistan 2003

Gli uomini sono così ingenui da credere alle apparenze: potrebbero addirittura credere che una bambina con i capelli corti e gli abiti di suo padre sia effettivamente un uomo. Così una ragazzina afgana si lascia convincere dalla nonna, sotto il ricatto dell’amore, a farsi passare da ragazzo per poter andare a lavorare e sostenere la mamma e la nonna, ormai sul lastrico perché relegate in casa dal regime talebano. E così se ne va fuori per le strade da sola, circondata dalla violenza e dalla paura.
Come se non bastasse, viene reclusa nella scuola talebana ad imparare l’arte della guerra. È qui che, nella violenza di quel luogo, ritrova un giovane amico di quando era ragazza. Lui l’aiuta, la difende fino all’ultimo. Lo sguardo complice fra i due ragazzini è ciò che salva lo spettatore dalla disperazione nell’assistere ad un teatro di pura follia. Non raccontiamo il finale, tragico e forte, sperando che rimanga in mente, piuttosto, lo sguardo innocente e speranzoso di quei due ragazzi innocenti e bellissimi. (s.g.)

Prostituzione
il dossier
Progetto CIP- Collegamento interventi prostituzione, Rapporto di lavoro 2003

È stato presentato nel mese di febbraio il rapporto conclusivo del Progetto Cip, che continua a crescere.
Un’esperienza attiva fin dal 1998, con il quale il Comune di Firenze insieme all’Associazione Progetto Arcobaleno e alla Cooperativa Sociale CAT vuole creare una rete di aiuto, prevenzione e reinserimento delle persone dedite alla prostituzione.
Gli interventi sono di tre tipi: l’unità di strada per la prevenzione sanitaria, l’orientamento e l’accompagnamento ai servizi, che conta 4500 contatti negli ultimi tre anni; lo spazio intermedio per l’attivazione di percorsi individuali di reinserimento sociale; l’accoglienza verso i minori e le donne con bambini in case gestite da volontari.
Per ottenere un primo aiuto ci si può rivolgere anche al numero verde 800.290.290. Nel 2003 i contatti dell’unità di strada sono stati 867, 97 i colloqui dello spazio intermedio.
Info: 055-2625760 (v.b.)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *