21 novembre 2018

Videopoker e slot machine, dal Comune nuova disciplina per arginare la dipendenza

image_pdfimage_print

Non potranno essere installati vicino a scuole e ospedali. Il vicesindaco Nardella: “Norme più stringenti per tutelare il decoro e le persone più deboli”

Mai più videopoker o slot machine vicino a scuole od ospedali: lo prevede il nuovo regolamento per le sale giochi, che fissa norme più stringenti per una maggiore tutela del patrimonio storico e ambientale, dell’ordine pubblico e della sicurezza dei cittadini, in particolare bambini e soggetti più deboli. Il nuovo regolamento è stato approvato dalla giunta nella sua ultima seduta ed ora passerà all’esame del consiglio comunale, che alla fine dell’iter amministrativo darà il via libera operativo al provvedimento. “Per la prima volta il Comune di Firenze ha messo a punto una proposta di regolamento che disciplina in modo chiaro e completo questo settore, mettendo ordine ai tanti provvedimenti singoli approvati in passato – spiega il vicesindaco Dario Nardella – L’obiettivo principale al quale abbiamo lavorato è quello di tutelare le persone più deboli e più esposte agli effetti negativi della frequentazione delle sale giochi. In questi casi il gioco va bene ma non fino al punto di diventare diseducativo o, peggio ancora, creare dipendenza”. Molte le novità previste dal nuovo regolamento (naturalmente fatte salve le attività già esistenti). Intanto, gli apparecchi ‘da intrattenimento’ (dalle slot machine alle videolotterie ai flipper) non potranno essere installati in esercizi che si trovino all’interno di luoghi di cura, scuole di ogni ordine e grado, impianti sportivi e nelle pertinenze di edifici di culto; mentre le sale giochi non potranno essere aperte entro 500 metri (pedonali) da scuole, luoghi di culto, ospedali, centri di recupero, case di cura, case di riposo, sedi operative di associazioni di volontariato o altre sale giochi. Inoltre i locali per le sale gioco non potranno essere ubicati in edifici notificati o vincolati, nè sottostanti a civili abitazioni e alle loro pertinenze. Altre importanti novità: nelle sale giochi e nei locali dove sono allestiti gli apparecchi, dovrà essere esposta in luogo visibile la tabella dei giochi proibiti e la tariffa di ciascun gioco presente; mentre all’interno dovrà essere esposto un cartello che indichi il divieto di utilizzo ai minori di 18 anni. L’ingresso e la permanenza nelle sale giochi sono comunque vietati ai minori di 14 anni se non accompagnati da genitori o da chi ne fa le veci; i gestori devono prevedere una idonea sorveglianza e devono esporre all’ingresso e all’interno materiale promozionale per il ‘gioco responsabile’. Inoltre aperture, trasferimenti o variazioni nella gestione di sale giochi o nell’installazione degli apparecchi saranno subordinati alla presentazione della Scia (la nuova ‘segnalazione certificata di inizio attività) e tutti gli apparecchi potranno essere installati solo dopo la specifica autorizzazione della Questura. Nello specifico, per ‘apparecchi o congegni da trattenimento’ si intendono i dispositivi meccanici, elettromeccanici e elettronici, distinti in: apparecchi meccanici od elettromeccanici, attivabili a moneta o a gettone, o affittati a tempo (biliardo, juke-box, calcio-balilla, flipper, gioco dei dardi etc); apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro (dotati di attestato di conformità) e obbligatoriamente collegati alla rete telematica; le cosiddette videolotteries, ovvero gli apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro che si attivano esclusivamente in presenza di un collegamento alla rete telematica; gli apparecchi elettromeccanici attraverso i quali il giocatore esprime la sua abilità fisica, mentale o strategica. Ci sono poi i giochi a distanza, ovvero quelli effettuati attraverso il canale telefonico, internet od altre reti telematiche. Gli esercizi già autorizzati ad installare apparecchi da intrattenimento sono: bar, caffé ed esercizi assimilabili; ristoranti, osterie, trattorie ed esercizi assimilabili; stabilimenti balneari; alberghi e strutture ricettive assimilabili; circoli privati ed enti svolgono attività riservate ai soli associati, purché in possesso di autorizzazione per la somministrazione di alimenti e bevande; agenzie di raccolta di scommesse ippiche e sportive, che raccolgono scommesse su incarico di concessionari di giochi ed in generale punti vendita che commercializzano giochi pubblici; sale destinate al gioco del Bingo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *