Via Pistoiese, record di incidenti

image_pdfimage_print

Via Pistoiese, come molti dei nostri lettori abitando alle Piagge ben sanno, è una strada dov’è pericoloso circolare.
La Polizia Municipale dice, dati alla mano, che addirittura è la strada più pericolosa di Firenze, coi suoi 63 incidenti del 2007. E si parla di quelli più gravi, che sono stati segnalati, non certo dei vari micro-tamponamenti. In uno di questi incidenti, poche settimane fa, è morta una signora, investita da un camion all’altezza dell’incrocio con via dell’Osteria.
L’alto numero di incidenti è provocato, ovviamente, non tanto dalla strada in sé (è stupido parlare di “strade killer”), quanto principalmente dall’incoscienza di chi vi transita. Infatti via Pistoiese, come tante altre strade, è un vero campo di battaglia, dove vige il tutti contro tutti a base di velocità eccessiva, sorpassi azzardati, sosta selvaggia, non rispetto delle precedenze, ecc…
Eppure l’assessore Cioni aveva provato a mettere in sicurezza proprio questa strada, col suo costoso progetto che ha portato alla realizzazione delle rotondine e dei cordoli spartitraffico, con le frecce luminose (che devono essere spesso sostituite perchè abbattute, con evidenti costi) che danno un tocco di colore alla strada…
Un progetto che in sé aveva anche una sua logica e che avrebbe potuto apportare dei benefici, ma che invece sembra fallito.
Le cause di questo fallimento sono diverse, alcune tra l’altro abbastanza prevedibili.
Prima di tutto bisogna dire che il progetto iniziale di messa in sicurezza non è stato realizzato fino in fondo, soprattutto per quanto riguarda le inversioni di marcia, che non state del tutto proibite per dare ascolto ad alcune proteste nate in corso d’opera.
Poi è mancata quella che, secondo noi, doveva essere la componente fondamentale, ovvero l’azione di sensibilizzazione ed educazione, attuata tramite l’operato dei vigili che, parlando e facendo multe, avrebbero dovuto insegnare il rispetto del Codice della Strada.
Peccato che, come già prima dell’effettuazione dei lavori, anche adesso in questa parte della città le divise della Polizia Municipale si vedano solo dopo gli incidenti.

Infine c’è il problema dell’eccessivo traffico presente su via Pistoiese: si credeva di ridurlo costruendo la via de’ Cattani bis, ma i fatti parlano chiaro.
In conclusione, questo esempio dovrebbe insegnare che se davvero si vuole ridurre il numero degli incidenti, prima di investire tanti soldi in tecnologia (autovelox et similia) e nella sistemazione viaria, bisogna far lavorare meglio i vigili e disincentivare l’uso del mezzo privato.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *