24 settembre 2018

Venezuela, una bomba innescata

image_pdfimage_print

La situazione in Venezuela non si è affatto risolta dopo il fallito golpe dell’11 aprile: le manifestazioni continuano e con esse gli scontri e i morti. Il Paese è sull’orlo di una guerra civile. Le riforme bolivariane, seppur necessarie a combattere la povertà della maggioranza della popolazione e la corruzione dei ceti dirigenti venezuelani, hanno sortito l’effetto contrario. Il popolo che nel 1998 acclamò Chàvez presidente con un plebiscito, si trova oggi diviso.

In Venezuela, così come in Europa, assistiamo ad una spiccata polarizzazione del sentimento politico popolare, elemento di ulteriore instabilità in un Paese povero e dalle ambizioni represse, che rischia ogni giorno di esplodere come una pentola a pressione. Forse si sta preparando un nuovo golpe, ma l’esercito è ancora diviso e Chàvez, la cui popolarità è caduta in picchiata, sembra godere ancora di un certo appoggio. Soffiano venti di guerra su tutta l’America Latina, il Venezuela sarà la prossima Argentina?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *