13 dicembre 2018

Una vita da "morosi". Il 22 assemblea cittadina degli sfrattati

image_pdfimage_print

UNA VITA DA “MOROSI”…

A Firenze, con l’applicazione della nuova legge che determina i contratti di locazione e che rende libero il mercato degli affitti, il numero degli sfratti per morosità è in costante aumento.

*L’aumento degli sfratti per morosità è determinato da una legge che tutela unicamente il diritto alla proprietà.
*L’aumento degli sfratti per morosità è determinato dall’avanzare delle crisi economica, che colpisce le fasce più deboli della popolazione: i giovani, i precari, gli anziani, i cassa-integrati, i migranti.
*L’aumento degli sfratti è determinato da “cause” nei tribunali dove gli inquilini sfrattati non vengono neanche consultati nelle “udienze”

Tutto questo in una situazione che vede:
*Affitti realmente offensivi per  i salari medi di qualsivoglia  lavoratore/lavoratrice.
*Totale latitanza delle istituzioni nelle politiche del diritto all’ ABITARE nella società attuale. Una percentuale ridicola di alloggi in edilizia pubblica rispetto agli altri paesi europei
*Bandi pubblici per l’assegnazione di alloggi ridicoli sia per il numero degli alloggi  concessi ai pochissimi fortunati, sia per l’infinita varietà di requisiti imposti
*Servizi sociali che invece di sostenere le cause dell’utenza trasformano il diritto ad una abitazione in una LENTA “VIA CRUCIS” dove non si intravede mai la fine…

Per queste ragioni chiediamo con forza:
*la fine della privatizzazione del poco patrimonio pubblico esistente
*l’aumento progressivo dell’edilizia sociale (case popolari) nel nostro paese, in un rapporto ed equilibrio con l’embiente e il territorio circostante
*la trasformazione di caserme e aree industriali dismesse in luoghi dell’abitare
*la requisizione degli immobili ancora oggi sfitti
*l’immediata applicazione della delibera regionale sulla “morosità non colpevole”

E ORA CHE SFRATTATI E SENZA-CASA RIALZINO LA TESTA A TUTELA DEI PROPRI DIRITTI
E’ORA DI RIORGANIZZARE LE RETI DI SOLIDARIETA’ NEI QUARTIERI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *