Una strada per Ilaria Alpi. Lo propone perUnaltracittà

image_pdfimage_print

Intitolare una strada o una piazza di Firenze alla memoria di Ilaria Alpi. E’ la proposta formulata in una mozione presentata oggi da Ornella De Zordo, capogruppo di perUnaltracittà.

La giornalista italiana fu barbaramente assassinata il 20 marzo 1994 a Mogadiscio, in Somalia, in un teatro di guerra civile, mentre era impegnata in qualità di inviata per il servizio pubblico della Rai in un’inchiesta giornalistica.

“L’impegno di Ilaria Alpi per far emergere la verità dei fatti e diffonderla ai cittadini – ha spiegato la capogruppo di perUnaltracittà – rappresenta al meglio lo spirito della libertà di stampa nella società contemporanea. Il rischio di un’informazione omologata, fatta soltanto per mezzo di veline e comunicati stampa, è sempre più vivo, così com’è vivo il rischio di un imbavagliamento sempre più diffuso dei giornalisti. Intitolando una strada o una piazza alla memoria di Ilaria Alpi, Firenze può compiere un gesto simbolico importante a difesa della libertà di informazione”.

La giornalista Ilaria Alpi
La giornalista Ilaria Alpi

“Il coraggio con cui Ilaria Alpi ha interpretato la sua professione – ha proseguito De Zordo – deve essere oggi un modello di riferimento per i giovani giornalisti e per la pluralità dell’informazione. Ilaria metteva al centro delle sue inchieste lo sfruttamento delle popolazioni del Sud del mondo, il consumo incontrollato delle risorse, la guerra e gli interessi economici ad essa legata. Un impegno fondamentale per l’affermazione della verità, al servizio del sapere e delle culture tutte”.

“In realtà – ha concluso De Zordo – si tratta dell’affermazione degli stessi principi sanciti dalla Costituzione italiana e dall’Unione Europea. Non a caso il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha attribuito ad Ilaria Alpi la Medaglia d’Oro al Merito Civile alla memoria. Altri riconoscimenti sono stati riconosciuti, tra gli altri, dal Presidente della Camera Gianfranco Fini e dalla Regione Toscana. Firenze stessa ha più volte già riconosciuto il valore del lavoro svolto dalla giornalista, mentre molte città italiane le hanno già dedicato vie o piazze”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *