Tre milioni all’ora: l’Italia in crisi li spende per la difesa. Firmate l’appello di Zanotelli

image_pdfimage_print

Malgrado l’assenza di supporto mediatico sono già settemila le adesioni,

0 Comments

  1. Federico

    Che vinca la Vita! Ma non solo la vita degli esseri umani , ma di tutte le creature senzienti e soprattutto innocenti ed indifese, come Animali e Bambini umani. Di Animali ne vengono assassinati ogni anno in tutto il mondo 50 miliardi; di Bambini umani ne vengono assassinati per fame dall’indifferenza della società civile e delle chiese 7 milioni ogni anno. CHE VINCA LA VITA!!

    Reply
  2. Francesco Silvestri

    Un appello alla pace, che include tutto ciò che ha ha che fare con un sano modello di vita sociale ed economico.

    Reply
  3. fiorella ottobre 7th ,2011

    che il nostro desiderio di pace non diventi una chimera e non ci lasci ne indifferenti ne sfiduciati che le cose non possano cambiare ,che il nostro coro di speranza si possa trasformare in un grande esercito ,l’esercito della pace…

    Reply
  4. claudia petrazzuolo

    ventiseimiliarditrecenottantamilioni l’anno è l’importo di una finanziaria più o meno normale o sbaglio? e perchè dobbiamo pagare queste somme che invece la germania risparmia? e perchè non richiamiamo questo soldati ed in patria non li utiliziamo per supposrto alle forze dell’ordine in sicilia in calabria ed in campania? e perchè dobbiamo subire nuovi tagli ? chi è che ci si arricchisce dietro?

    Reply
  5. mario severgnini

    E’ sicuramente giunto il momento di denunciare la scelta sbagliata che ancora una volta, il governo di turno ha fatto, con grande forza. No alle armi, no a tutte le guerre, basta lasciare morire milioni di bambini di fame e poi spendere miliardi di euro per “portare” la democrazia in Afghanistan, o in altre parti del mondo. E’ più importante salvare un bambino che costruire un bomba.

    Reply
  6. Francesco T

    Il Sig. Alex ZANOTELLI (un ecclesiasta) sta raccogliendo raccogliendo le firme per ridurre le spese della difesa, con questo slogan:
    “Tre milioni all’ora: l’Italia in crisi li spende per la difesa. Firmate l’appello di Zanotelli”
    Desidero ricordare che il settore difesa e sicurezza rende un servizio alla società la difende e ne garantisce la sua sicurezza. I suoi appartenenti stanno pagando la crisi con retribuzioni bloccate sino al 2014 e tagli alle risorse di cui necessitano per portare a termine il loro compito, che continuano ad assicurare con disciplina e senso del dovere, ingegnandosi, all’italiana, maniera per sopperire ai tagli delle spese subite. Invece la chiesa cosa fa’? non subisce alcun taglio dei finanziamenti, anzi essi sono gli unici a lievitare ogni anno, fratta i bambini di una scuola del vomero (una delle più degradate di napoli) per fare B&B, come una qualsiasi società che deve generare profitto. Per avere cosa in cambio, una messa alla domenica in chiese semideserte? Sig. (la smetta di farsi chiamare padre, perché Lei non lo è, se ha mantenuto il suo voto di castità) Zanotelli prima di parlare si accerti che il suo cervello sia in funzione, si faccia una bella autocritica ed un esame di coscienza, e si renderà conto Lei stesso che è meglio tacere.
    http://www.ansa.it/web/notizie/photostory/primopiano/2011/09/29/visualizza_new.html_696584238.html

    Reply
  7. Francesco T

    Sig. Zanotelli cosa mi dice di questo?
    http://www.ansa.it/web/notizie/photostory/primopiano/2011/09/29/visualizza_new.html_696584238.html
    la sua chiesa si comporta come una qualsiasi società che deve generare profitti, non per quella opera caritatelove per la quale si spaccia ed incassa 1 miliardo di euro l’anno solo e soltanto dal gettito dell’8×1000. Faccia un grosso mea culpa. Ed inziate a pagare le tasse sugli immobili che sono ubicate sul suolo italiano e sugli introiti che sono generati fuori dai confini del vaticano.

    Reply
    1. red

      Gentile sig. Francesco, le sue critiche alla Chiesa sono in gran parte motivate. Lei però forse ignora che Alex Zanotelli è il primo a condividerle. La invitiamo a informarsi meglio sulla sua biografia e sulla storia di questo sacerdote che ha vissuto sempre in mezzo ai poveri e agli ultimi, prima di lanciare strali al bersaglio sbagliato… http://it.wikipedia.org/wiki/Alex_Zanotelli

      Reply
  8. soliani sara

    FIRMO FIRMO FIRMO FORTEMENTE FIRMO
    BASTA GUERRE
    LE TASSE LE DEVONO PAGARE I COSTRUTTORI DI ARMI COSI’ SAREBBERO RISOLTI TUTTI I PROBLEMI

    Reply
  9. marina bottari

    E’ dal precedente governo Prodi che c’è questa insulsa spesa al riarmo, come sempre Alex Zanotelli è in prima linea, cerchiamo di esserlo anche noi.

    Reply
  10. Agostino Buzzetti

    Se vuoi la pace non preparare la guerra. E non tagliare i servizi sociali sennò la guerra te la fanno a te.

    Reply
  11. marco_nikovkalash

    purtroppo siamo noi la causa di questo sfacelo. E’ la richiesta che fa il mercato. Noi dobbiamo smetterla di usare questa tecnologia basata sul consumo. Ci lamentiamo e poi consumiamo benzina per fare 200mt e buttiamo kili di merda non ecologica nei cassonetti. Respiriamo aria insana, beviamo acqua malata, mangiamo cibi avvelenati… tutto questo lo risolve la guerra che stanno facendo per darci ancora gas, petrolio e altra merda simile… Siamo degli idioti, punto e basta!!!!!!

    Reply
  12. Mimmo

    Occorre recuperare e promuovere, soprattutto tra i giovani, la cultura della memoria e quindi della verità che soppianterà la cultura della menzogna e della violenza.

    “In mezzo alle armi, le leggi tacciono”
    Cicerone

    “Le idee sono più potenti delle armi. Non lasceremmo che i nostri nemici abbiano delle armi, perché dovremmo lasciare che abbiano delle idee?”
    Joseph Stalin

    “O l’umanità distruggerà gli armamenti o gli armamenti distruggeranno l’umanità”.
    Gandhi

    “Conquistare le passioni mi pare di gran lunga più difficile che conquistare il mondo con la forza delle armi. Ho ancora un difficile cammino dinanzi a me. Finché l’uomo non si metterà di sua volontà all’ultimo posto fra le altre creature sulla terra, non ci sarà per lui alcuna salvezza”.
    Gandhi. 1925

    “Un giorno gli uomini si vergogneranno di avere fabbricato le armi”
    Ernesto Balducci

    “La guerra non è soltanto una calamità, è un peccato.”
    “Cristianamente e logicamente la guerra non si regge.”
    don Primo Mazzolari

    “solo i morti vedono la fine della guerra”
    Platone

    “E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: NOI RICORDIAMO. Ecco dove alla lunga avremo vinto noi. E verrà il giorno in cui saremo in grado di ricordare una tal quantità di cose che potremo costruire la più grande scavatrice meccanica della storia e scavare, in tal modo, la più grande fossa di tutti i tempi, nella quale sotterrare la guerra.”
    Ray Bradbury – Fahrenheit 451

    “Dio non esiste, ma per il rispetto che porto a questa antica e veneranda credenza umana, penso che, se esistesse, farebbe bene a tirarsi fuori subito da tutto questo”
    Alberto Asor Rosa, La guerra

    “Il nostro è un mondo di giganti in campo nucleare e di neonati in campo morale. Sappiamo più sulla guerra di quello che sappiamo sulla pace, sappiamo di più su come si uccide di ciò che sappiamo su come si vive.”
    Generale Omar Bradley

    “La guerra è la più diffusa forma moderna di terrorismo”
    Gino Strada

    “La guerra non è fatta per essere vinta. E’ fatta per non finire mai” “1984”, George Orwell

    “Non sono pacifista, sono contro la guerra. Essere pacifista è un’affermazione che permette troppi distinguo.”
    Gino Strada

    “Gli affari sono una combinazione di guerra e divertimento.”
    André Maurois, pseudonimo di Émile Salomon Wilhelm Herzog (1885 – 1967), scrittore francese

    Reply
  13. DANIELE

    KE SKIFO NN CI SONO PAROLE! E IO FAC I SALTI MORTALI X DARE DA MANGIARE A MIO FIGLIO! SVEGLIAMOCI!………. BY DANY

    Reply
  14. Pingback: Svuotiamo gli arsenali |

  15. sonia

    io sono moglie di un militare attualmente in afghanistan, aspettiamo una bambina che forse lui nn vedrà nascere perchè impegnato all’estero. le spese militari sono enormi rispetto alla crisi che stiamo attraversando ma loro non devono essere trattati come mostri…sono ragazzi che pur rischiando la vita ogni giorno non hanno la sicurezza di avere un posto di lavoro perchè i primi 8 anni sono sempre dei precari con 1000 euro al mese!e i tanto acclamati soldi della missione vanno via in tasse e in attrezzatura che loro stessi devono comprare di propria tasca se non vogliono vivere come dei disperati…hanno tende che d’inverno si allagano, le brande e i materassi li mandano li a proprie spese, l’infermeria è poco fornita e partono da qui con centinaia di euro spese per farsi scorta di medicinali…pagano cifre assurde per poter usare internet (quando questo funziona) per poter vedere i propri cari qualche volta al mese! Sono stanca di sentire persone che sfogano il proprio disagio sui militari…loro lavorano come lavorano muratori, operai e chiunque altro con la differenza che la loro vita non la decidono loro in primis…trasferimenti, missioni inaspettate e lunghissimi periodi fuori casa in condizioni disastrose!e loro sono i primi a star male quando vedono bimbi abbandonati e sono i primi che cercano di avere un rapporto con la popolazione portando cibo e acqua….non sono li perchè lo stato li obbliga a fare la guerra…sono li perchè a differenza dello stato loro credono veramente che qualcosa si possa fare…forse illudendosi. Vi garantisco che loro in primis avrebbero preferito prestare soccorso alle popolazioni alluvionate, a quelle messe in ginocchio dai terremoti aiutando la ricostruzione, preferirebbero essere mandati in luoghi dove la notte le persone comuni non possono uscire di casa per paura….ma non sono loro a decidere ed è evidente che gli interessi dei potenti sono sopra ogni logica….
    ma vi garantisco che loro sono i primi a soffrire quando tutti si scagliano contro il loro lavoro…perchè anche loro lo fanno per portare il pane a casa, nessun uomo vorrebbe stare lontano dalla propria famiglia rischiando di non tornarci nemmeno….lo fanno perchè non hanno alternativa di lavoro….e comunque lo fanno mettendoci l’anima e il cuore….mi sento solo di dire FORZA RAGAZZI e speriamo che tutti tornino sani e salvi ad aiutare qui in patria perchè ci sono situazioni che loro potrebbero veramente cambiare…mio marito quando ha visto le immagini dell’aquila ha subito detto:perchè la prossima missione non la facciamo li…possiamo aiutare a costriure ed evitare che le cose diventino troppo lunghe come è solito in italia….abbiamo attrezzatura necessaria e professionalità di alto livello…..perchè ci mandano in posti dove alla fine veniamo odiati? io non ho risposto xkè la risposta è sempre la solita……..troppi interessi!!! scusate il messaggio troppo lungo.

    Reply
  16. paola tizzani

    Tutti saremo chiamati a fare sacrifici per il pareggio di bilancio e gli incentivi allo sviluppo; lo faremmo più volentieri se, almeno per un anno potessimo risparmiarci le lacrime e il sangue della guerra!

    Reply
  17. Mister

    E come pensa questo signore che una Potenza Mondiale come l’ Italia ( perchè che ci crediate o meno siamo una Potenza Mondiale) possa rimanere al posto che le spetta nel mondo,senza esercito senza armi e senza un deterrente bellico che possa incutere RISPETTO in politica internazionale?!

    Motivo per il quale Noi Tutti consideriamo meno di zero paesi come lo Zimbawe o l’ Afghanistan per citarne alcuni, ma sopravvalutiamo e rispettiamo paesi insignificanti in Geopolitica come la Corea o lo stesso Israele.
    Sarebbe bello un mondo senza armi e in pace.Ma la realtà è ben diversa.E il mondo gira in tutt’altra direzione.VIVA L’ITALIA…Sempre e Comunque!

    Reply
  18. giuseppe

    da un paese che per 60 anni ha sempre voluto la pace, ora con la scusa della democrazia andiamo a bombardare senza che ci chiedono il ns consenso.

    Reply
  19. Mirco Bovini Casciola

    Si preparano altre mattanze, si allevano nuovi assassini.
    Basta un motivo sensato per uccidere, basta una ragion di stato per sterminare.
    Tutto questo finirà?

    Reply
  20. salvatore

    dobbiamo finirla coi bassi moralisti bisogna dire senza se e senza ma basta alle spese militare che il nostro paese sostiene la costituzione sancisce il nostro pensiero del no alla guerra ma tutto questo viene calpestato da persone che pensano solo hai suoi profitti comprare 130 bombardieri non e per difesa nazionale ma difesa dei portafogli nel senso che commissionare armi porta denari e corruzione nelle tasche di politici senza dignità,il paese in crisi che c’è ne frega commissioniamo aerei la gente non arriva alla terza settimana ,noi acquistiamo auto blindate per i dirigenti dei ministeri questa e stata la politica del vecchio governo altro che contrasto alla crisi;poi pongo una domanda a quale internazionalismo proletario e giustificato il nostro intervento militare,nessun popolo a chiesto e voluto il nostro intervento, ma e voluto solo dai grandi gruppi finanziari petrolieri che mirano allo sfruttamento delle risorse di quei paesi questo e il loro internazionalismo fruttare le debolezze di un pugno di uomini per sfruttare le ricchezze di molti

    Reply
  21. Antonio

    Dopo il taglio dei privilegi ai politici, le spese per gli armamenti sono l’altro punto cardine per ridurre le spese e poi bisogna far pagare chi si è arricchito in questi 16 anni.!

    Reply
  22. Giuseppe

    Salviamo i nostri figli da tutte le guerre future, ridimensionando eserciti e tagliando le spese sulle armi. Viva la pace.

    Reply
  23. Nicola Pacelli

    Ma…non sapete che più si spende e più….tangenti intascano i politici corrotti? E ne sono tanti….! Finchè non ci sarà un’anagrafe tributaria ben fatta per tutti i politici, loro familiari e affini, questa gentaglia corrotta che fa politica solo per rubare, sarnno sempre li a fotterci!!!

    Reply
  24. Claudio Bianzino

    Questi sono i tagli intelligenti e indispensabili! In Costarica non lo avevano eliminato l’esercito? Ma allora si può! E si deve!
    Ormai tutti (destra, sinistra, centro, indignati, grillini, grilletti, etc…) dicono che bisogna dimezzare il numero dei parlamentari. No, dico, ma vi siete rincoglioniti tutti? Dimezzare gli STIPENDI dei parlamentari, certo, ma NON IL NUMERO dei parlamentari!!! Il parlamento è la nostra unica garanzia di democrazia! E’ il Parlamento (una volta che tornerà ad essere fatto di gente eletta direttamente dei cittadini) il perno della Democrazia ed è il Parlamento che può anche tagliare le spese militari!!! Viva il Parlamento e abbasso le armi!!! Usciamo da ‘sto cazzo di sonno della ragione, per favore? Grazie.

    Reply
  25. fausto pardolesi

    da troppo tempo l’esortazione reata inascoltata, la prima volta che l’ho udita la pronunciò Sandro Pertini accogliendo la marcia per la Pace in una Pasqua di tanti anni fa.
    SVUOTIAMO GLI ARSENALI, RIEMPIAMO I GRANAI

    Reply
  26. maria

    Sono perfettamente d’accordo con padre alex, ma sono stati diversi i politici, sia senatori che deputati, sia di destra che di sinistra, che hanno presentato mozioni contro il finanziamento di spese militari. Ma sono rimaste completamente inascoltate poichè sempre isolate e silenziose, senza rilievo sui media. forse queste persone dovrebbero riunirsi tutte insieme e cercare di afre una campagna trasversale, coodinata e determinata e allora si che invece di rimanere un vano desiderio, potrebbe concretizzarsi in qualcosa. Tra coloro che hanno presentato mozioni: il sen. Umberto Veronesi, PDL (http://www.facebook.com/home.php?ref=hp#!/photo.php?fbid=2668070266106&set=a.1052854526722.9218.1386543525&type=1&theater ) e il deputato PD Dario Franceschini, Cofirmatari: Rugghia, Fiano, Villecco Calipari, Garofani, Fioroni, Giacomelli, La Forgia, Laganà Fortugno, Migliavacca, Mogherini Rebesani, Recchia, Rosato, Sereni, Ventura, Maran, Brandolini, Farinone, Causi, Schirru, Touadi, Graziano, Rubinato, De Pasquale, Coscia, Castagnetti, Samperi, De Biasi, Rossomando, Bindi. Cioè, praticamente quasi tutti. ( http://www.deputatipd.it/Select.asp?Section=Discussion&Table=Documents&LeftBar=DocumentType&Date=&Period=&Argument=&DocumentType=3&DocumentSubType=6&Search=&ID=19686&Mode=Edit&KeyName=ID&Page=&Sort=&KeyValue=19686 ). La domanda è un’altra: perchè stampa e media non danno rilievo a queste azioni politiche quando ci sono? E perchè ci si ostina a dire che nessun politico fa nulla? In questo caso non corrisponde al vero.

    Reply
  27. Tea Cernigoi

    Nel rispetto della Cosituzione noi dovremmo essere un popolo di pace, non occupato in strane missioni di pace, che tutto sono fuorché di pace e tolgono tanti denari alle finanze già disastrate dell’Italia!

    Reply
  28. Sabrina

    padre,
    quello che Lei dice è assurdo ma non nei contenuti di massima (condivisibili) ma nelle notizie che riporta. L’italia non spende queste cifre nella difesa al limite, se confermati i suoi dati, nel settore degli armamenti (e sono due cose ben diverse). Se destina a FINMECCANICA una certa cifra con la quale la ditta sviluppa armamenti che poi rivende (spessissimo a paesi esteri), spende nel settore degli armamenti, non per la difesa della nazione. vada a vedere quanto in realtà destina alla difesa ma quella vera, quanto spende per le tre Forze Armate, quanto di questi fondi vengono utilizzati per la Protezione Civile (ha visto chi, tra gli altri, spalava il fango nelle zone alluvionate? E pensi che questi fondi servono anche per coprire le spese che gli altri (CRI, Protezione civile, ecc) dovrebbero rimborsare). Veda quanto inoltre viene speso per le cosiddette funzioni esterne (pensi ad un faro all’ingresso del porto per esempio) e forse avrà una prima idea (grossolana). Mischiare e fare un fascio unico di spese in settori che, in realtà, non convergono è stupido e mi perdoni, fazioso e un po’ da cialtrone. Spero che Ella non sia uno di quelli che “maledicono” i caduti sull’altare, in caso contrario ricordi una concetto. Le cose non stanno come Lei afferma. Si informi meglio.

    Reply
  29. saverio

    Non sottoscrivo l’appello in questione perché, semplicemente, è irrazionale, populista, demagogico, irresponsabile e, in pratica, privo di fondamento. Se è vero che la spesa pubblica comprende sprechi immondi, è anche vero che in ogni ambito ormai s’è ridotta all’osso, con tagli continui che però non vanno a colpire i veri sprechi. Se poi mettiamo in conto l’immensa evasione fiscale, si capisce che le cause del disastro finanziario italiano sono ben altre che l’1,5 di PIL che spendiamo per la difesa, percentuale peraltro ridicola se confrontata con glia altri paesi NATO…perciò finiamola di raccontare favolicchie senza senso.
    Quanto all’articolo della Costituzione che “ripudia” la guerra, si certo, esiste e son tanto delle belle parole, ma, appunto sono solo Parole! La realtà di questo mondo è “un tantino” diversa…peccato che gli amanti della pace prete-a-porter e dalla commozione facile abbiamo due prosciutti (ideologici e nulla più!!!) sugli occhi che li acceca completamente.

    Reply
  30. Ugo Carella

    Sarebbe così semplice..così semplice che ci appare impossibile! Per cui è comprensibile un ‘sentire’ come quello di Saverio ad esempio, che mi precede.. Siamo tutti condizionati, rincoglioniti da secoli di cattiva educazione spirituale.
    A me solamente piacerebbe ricordare qui ciò che quel ragazzo di nome Gesù ebbe a dire: ‘Ciò che io ho fatto anche voi potete fare’. Sono parole d’Amore, di Verità e di Rivoluzione.

    Reply
  31. F. CORDA

    Noi chiediamo che voi politici la smettiate di offendere la nostra intelligenza…
    In nome del popolo italiano, chiediamo di riportare a casa tutti i soldati che sono oltre confino, e di annullare tutte le missioni all’estero.
    Il popolo italiano chiude un occhio, a volte due, un orecchio e pure l’altro, ma la
    corda che state tirando si sta per spezzare.
    Non c’è tempo per andare avanti.
    Olle, forza popolo italiano, sei il migliore…

    Reply
  32. Ester de Miro

    E’ ora di smetterla con l’ipocrisia delle “missioni di pace”. Tutti sanno che si tratta di guerre in cui non è in gioco la libertà del nostro paese ma la sete di potere di altri, potenti “minoranze” in grado di incidere pesantemente sulle vite di molti.
    Stop alle spese militari, stop agli alti stipendi dei graduati e alle loro pensioni d’oro!

    Reply
  33. Matteo Canzoneri

    E noi moriamo di fame…..questa mia Italia queste schifose zecche incravattate che noi chiamiamo “politici” e “banchieri” ci hanno prosciugato….noi chiediamo anzi pretendiamo visto che noi siamo il popolo sovrano che questi tre milioni vengano destinati alle famiglie che ne hanno bisogno e non alle armi

    Reply
  34. maria acquaro

    solo quando i “potenti” prenderanno questa decisione…il mondo sarà migliore!!! arriverà questo giorno ????

    Reply
  35. TIZIANA COLANTONIO

    L’ITALIA RIPUDIA LA GUERRA!!!!!!!!!!!!!!!
    LE FORZE ARMATE SERVONO ALLA DIFESA DELLA NAZIONE.
    NON MI PARE CHE L’ITALIA SIA STATA MINACCIATA NEGLI ULTIMI 65 ANNI!!!!!!!
    TUTTI A CASA,LA SPESA NON VALE L’IMPRESA!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Reply
  36. francesco giordano

    sono mostri i militari….non ci sono giustificazioni….che cosa vanno a fare in Afganistan?
    Sono mostri e terroristi..

    Reply
  37. lucia maddalena gregori

    crisi, disoccupazione, precariato, la prima cosa da tagliare sono le spese militari inutili e non i servizi essenziali e bisognerebbe fare qualcosa per risollevare l’economia.

    Reply
  38. Edoardo

    Bene questa campagna di bloccare i tanti soldi per le armi ma Zanotelli…tu…uomo di fede…che parli bene di giustizia e carità cristiana….non ti vergogni a rappresentare con la tua veste di soldato del Vaticano ( lo stato più ricco del mondo) e con esso parli di sodi sottratti alla povera gente?? ok. tutto giusto e partecipo, ma io voglio , anzi, da essere umano lo esigo, un aiuto consistente da parte del vaticano attraverso lo IOR che di certo è anch’esso coinvolto in manovre finanziarie poco chiare che se venissero alla luce farebbero rabbrividire chiunque.
    Perciò, ok alla tua campagna alla quale aderisco volentieri dandoci una mano alla divulgazione della parola di Cristo ma il primo uomo a sottoscrivere tale iniziativa e ad offrire quanto gli è possibile per aiutare i poveri che vivono perlomeno attorno a lui è il Papà che in questo momento di crisi dovrebbe vergognarsi di farsi dare l’appellativo id Santo Padre. Santo per chi? Per i suoi ciechi fedeli che chiedono la carità allo stato più ricco del mondo? Cosa fa il Vaticano ora? Lo IOR avrebbe lui solo i soldi non per una ma tante finanziarie Italiane . Vediamo , unitamente alla lotta per fermare gli armamenti , di rivoluzionare VERAMENTE le cose e non strumentalizzarle…

    Reply
  39. paolos88

    Un grosso concorso allo stop contro gli armamenti si avrebbe se Ratzinger chiamasse i papa-boys non per acclamare la Madonna ma per indignarsiSPECIFICAMENTE sui cacciabombardieri.

    Reply
  40. Massimo Giuntoli

    Francamente mi stupisco di come non si comprenda l’importanza strategica della spesa militare del nostro Paese, considerata sia la sua posizione vulnerabile al centro del Mediterraneo, sia la necessità sacrosanta di difendere e proteggere lo Stato del Vaticano in esso “ospitato”. Prima di firmare un appello di questo tipo bisognerebbe interrogarsi sul rischio reale e concreto di un complotto internazionale tra Corea del Nord, Laos, Vietnam, Cina e Cuba, ordito con il preciso obiettivo di invadere l’Europa e di costringerci a chiamare il presidente del consiglio “compagno presidente” invece che “signor presidente”. Per non parlare del progetto di Jahad (ideato in realtà dai signori del petrolio mediorientali e volto ad annientare l’affermarsi in Europa dei sistemi energetici a fonte rinnovabile) che si prefigge di installare la mezzaluna islamica sulla cima del Cupolone.
    OK, per quanto mi riguarda non ho ancora preso la pastiglia del pomeriggio, ma mi domando quali altri argomenti i nostri governi (passati e presenti) potrebbero usare a sostegno della spesa militare nel nostro Paese.
    Forse che una buona pastiglia potrebbe giovare anche a chi eleggiamo in Parlamento…?!?

    Reply
  41. Michele Nardella

    Io non me ne intendo proprio di queste cose. Ho letto però che qualcuno in questi commenti ha messo in dubbio l’ attendibilità delle affermazioni di Padre Zanottelli, ed effettivamente a me sembrano dati spropositati.
    Comunque è risaputo che in fatto di spese militari c’è una tendenza molto marcata a scialare da parte di tutte le nazioni, per cui mi unisco in ogni caso alla protesta.

    Reply
  42. GIULIA CLAUDIA GERVASONI

    a molti italiani allungano il periodo di permanenza al lavoro senza se senza ma.
    Bene ora noi italiani pretendiamo senza se e senza ma che non si spendano altri soldi per gli armamenti se si devono spendere soldi che questi siano utilizzati per fini sociali e dato che i soldi per gli armamenti sono parecchi vorrà dire che forse qualche servizio migliore ci sarà.

    Reply
  43. fabio

    Spero che tante amiche ed amici di Fb aderiscano all’appello di Padre Alex Zanotelli………
    Io credo che questo paese se avrà una nuova possibilità di sviluppo, sarà solo perchè i nostri politici capiranno che è assolutamente necessario sostituire la spesa militare inutile, con tantissimi investimenti in cultura e ricerca……….per un futuro migliore, almeno per i nostri figli, vi prego aderite! fabio

    Reply
  44. pilar castel

    ai detrattori : arruolatevi e andate voi a ‘fare le guerre’, forse vi renderete conto quanto siano inutili , oltrechè dannose e assassine. Quanto le guerre rimettono l’umanità ad un cieco punto di partenza: la legge del più forte, non del più intelligente, del più bravo, del più bello , no, la legge del bruto che ammazza prima. Belle parole sono gli slogan rivolti ai giovani disoccupati : arruolati avrai un futuro ! Ma se il ministero della difesa è così sensibile perchè non crea posti di lavoro civili dove c’è bisogno davvero di difendersi …dalle calamità naturali, dalla mafia, dalla violenza di strada e domestica, dall’ignoranza. Giocare ai soldatini come agli indiani da piccoli può anche andare, ma da grandi , no, siete proprio patetici oltre chè correi di violenze, stupri, distruzione,omicidi, strage di innocenti, povertà.. insomma,tutto ciò che avviene nelle guerre

    Reply
  45. tania letizia gobbett

    Firmo la petizione con questa mia – so che Zanotelli crede in qualcosa di giusto – la preparazione all’equità – in cui la persona in quanto senziente possa non essere più soggiogata dalla tortura più o meno efficiente e tagliente, sia psicologica che fisica che la società rarefatta di valori e strutture per il proprio futuro manifesta-per una società più onesta in tutti i sensi – per una legge uguale per tutti che non venga sperequata da chi odia vedere davanti a sé il forte e dietro di sè il debole.

    Reply
  46. Bruno Arthemalle

    Certo che firmo e invito tutti i miei contatti a fare altrettanto, è una vergogna, le guerre sono cosa del passato chi ha intelligenza e lungimiranza sà che non servono a nulla tranne che arricchire le tasche di qualcuno, quei soldi buttati nella spazzatura servono per le famiglie, per dare maggior serenità alle persone, le democrazie si fanno con la parola e la saggezza non con le armi e con la forza, quindi STOP ai costi assurdi delle forze armate, STOP alkl’acquisto dei 120 bombardieri strategici, STOP ad ogni intervento armato in ogni luogo del pianeta. PACE questa è la parola giusta dell’essere civile, non guerra armi o violenza e si sà là dove c’è una divisa poi ci sono generali e colonnelli che ne fanno una forza destabilizzante. PACE PACE PACE

    Reply
  47. claudia zuncheddu

    Ho conosciuto Alex Zanotelli proprio a Korogocho tanto tempo fa. Pesai l’uomo nella battuta: “meno preghiere e più terra ai poveri”, era talmente magro che pensavo avesse un tumore, non impiegai molto a capire che mangiava giusto il necessario per non morire. Era per scelta uno dei tanti poveri della discarica di Nairobi. Alex è lungimirante e anticipa il destino dei popoli e della terra molto prima. Sosteniamolo perchè le sue battaglie sono per la sopravvivenza dei popoli e del pineta.

    Reply
  48. EMILIO MAGNI

    per la verità un partito politico di questa riduzione ne parla da tempo ed ultimamente proprio a proposito della nuova manovra: ITALIA DEI VALORI

    Reply
  49. Matusca Pescini

    Aderisco all’appello per ridurre drasticamente le spese militari. Anzi lo stato italiano non dovrebbe spendere nemmeno un euro per tali spese.

    Reply
  50. claudio giorno

    ma cosa ci fa uno della comunità di santegidio in questo governo di oligarchi & banchieri multinazionali? La foglia di fico? Non ha niente da dire su questo argomento? Non pensa che dovrebbe vergognarsi perchè svolge oggettivamente una funzione immorale imparagonabile – per gravità – a quella di una vituperata olgettina del governo di parvenu sulle cui poltrone ancora calde del loro culo è anadto a sprofondare il suo?

    Reply
  51. PeppeLuisi Pala

    …cherent reduidas de su totu custas ispesas militare,…
    nois semus dzente patzifica,…
    non devimos ponner fatu a Su Nannitu,larussa e bascaramenes similes…
    ma si propriu de custos,bat calicunos chi lis mendighindzat su culu,…
    che los timis mandare a custas missiones umpare solamente a sas fidzas,sos fidzos , e sas mudzeres de sos ministros,senadores e deputados,chi gai caldamente, botant a favore de custos interventos …
    No a che mandare sos fidzos de sa …
    pobera dzente,…
    custrintos dae su bisondzu,…
    bidu chi artatamente,faghent mancare sas possibilidades de tribagliare,…
    po tenner sa dzente a su disperu,…
    pronta a atzetare calesisiat porcheria chi unu calesisiat deficiente capu de gubernu los custringhet a leare…

    Reply
  52. Giulia

    Siamo vittime di un sistema economico e politico che spesso ci tratta come dei burattini. questa notizia ne e’ la conferma. Credo in quello che l’appello dice perche conosco molti altri caso simili, e se volete andare piu’ a fondo, potete andare su questo sito http://www.infowars.com. http://www.davidicke.com/. @sonia lei ha perfettamente ragione, lei e suo marito siete vittime come tutti noi. La sua testimonianza e’ la conferma della crudele assurdita’ di questo sistema. Solo la nostra consapevolezza e il nostro coraggio puo’ renderci liberi. Ricordiamoci che nessun potere puo’ contrastare la vox populi. Da sempre.

    Reply
  53. graziellarusso

    SE NON ORA QUANDO cambiare rotta nell’economia e smetterla con le spese militari, pensare alla vita di tante persone in difficoltà piuttosto che alle guerre e alle armi …

    Reply
  54. domenico langerano

    Firmo con piacere l’appello ricordando quando un altro santo uomo chiedeva inutilmente 2 cacciabombardieri per debellare la lebbra! La speranza che la presenza di persone come Marco Rossi Doria potesse dar più giudizio alla politica italiana comincia a scemare

    Reply
  55. Paolo Fabbroni

    Cominciamo a considerare il sociale……..ad amarlo a viverlo e a difenderlo come prezioso e intimo bene……..

    Reply
  56. alessandra

    X SONIA:
    anche io e mio marito cerchiamo disperatamente di lavorare in modo onesto e serio in questo mondo di tasse e privilegiatie mille euro al mese certe volte ce le sognamo! ma nonostante questo grave momento di crisi e di difficoltà finanziarie non andiamo a fare domanda in esercito. C’è modo e modo di sopravvivere. E per favore, prendi un libro di storia e leggi quello che fanno le guerre e quello che fanno gli stati con la scusa delle missioni di pace. Le nazioni devono imparare a crescere lasciate in pace dai soliti interessi degli sciacalli occidentali. Sai perchè l’occidente ha “aiutato” l’afghanistan? PER INTERESSI, perchè l’industria bellica frutta molto e tuo marito e i suoi compagni sono sfruttati dai padroni che si godono i soldi dell’industria bellica. QUIndi non mi venite a dire che non avevano altra scelta, la scelta ce l’abbiamo tutti: scegliere tra uccidere per mestiere (perchè non mi vengano a dire che in afghanistan aitano a rifare i letti ai malati e a portare i bambini a scuola, un mio caro amico fa il militare lì e me ne racconta di cotte e di crude) o rimanere nonostante tutto qui in “PATRIA” come dite voi, a farsi il mazzo tanto con dignità e in nome della pace. e non te la prendere, ma non sopporto il buonismo, è ingiusto moralmente ed io sono dalla parte della verità e la verità è che la guerra fa schifo e chi la combatte partecipa allo schifo.

    Reply
  57. paolo

    Basta hanno tutti scassato i maroni, ma quanti cazz ne dobbiamo mantenere? Rai, esercito, politici, ministeri, questure, comunità montane, regioni, province, ecc ecc. ecc. e con stipendi d’oro, vadano a lavorare in miniera la clerici, il suo fidanzato che ha 2 ferrari, e tutti gli altri parassiti!!!!

    Reply
  58. fiorenza

    non posso che essere totalmente d’accordo,basta con le armi e gli arsenali,ne abbiamo fin troppo di guerre e di morti in tutti il mondo,oltre ai morti dei paesi dei dittatori che non mollano ilpotere e armano i loro eserciti contro la folla innocente.

    Reply
  59. Paolo Pracucci

    Aderisco a questo appello senza alcun dubbio. Spendere soldi negli armamenti non è mai giusto. Spenderli, per un paese che è in una profonda crisi economica come il nostro, è semplicemente scandaloso.

    Reply
  60. giuseppe

    rompere il silenzio…..molti cittadini non conoscono questo crimine: L’industria Bellica…..ora. subito, promuoviamo presidii, manifestazioni, ecc…ecc…

    Reply
  61. paolo

    si si !!! buttiamo le armi , tanto nel bisogno chiamiamo i cattivi americani a difenderci …..ma vi rendete conto di cosa state dicendo ????? mi pare stiate vaneggiando … e parecchio…essere buoni in un mondo cattivo è UN SUICIDIO

    Reply
  62. francesco

    oltre alle spese militari che fomentano guerre e arricchiscono le tasche di pochi e ora di attivarci un po tutti per scendere nelle piazze e a dire basta a tutti i privilegi che hanno questi nostri politici che noi ITALIANI scegliamo di governarci SVEGLIAMOCIIIIII

    Reply
  63. Anna Di Maio

    Basta con i nostri giovani che muoiono in guerre definite “democratiche”, cioè per esportare la democrazia, ma che, in realtà, giovano solo ai grandi interessi!

    Reply
  64. STEFANIA

    INVECE DI PENSARE A FARE QUESTE COSE CHE A QUANTO PARE NN SONO SERVITE A NULLA DOVREBBERO PENSARE DI PIU’ AL CETO SOCIALE PIU’ BASSO INVECE DI PENSARE AI LORO VITALIZI SI DEVONO SOLO VERGOGNARE QUESTO E’ SOLO FUMO NEGLI OCCHI MA TROPPO TEMPO CHE NN CREDIAMO PIU’ A BABBO NATALE SONO DEI SCELLERATI E BASTA TANTO LE TASSE LE PAGAGHIAMO SOLO NOI E IL CLERO DOV’E’ IN TUTTO QUESTO………..

    Reply
  65. Teresa Consoli

    I sodi andrebbero spesi per vivere meglio, non per dare morte il più delle volte a innocenti…magari qualcuno potrebbe definirla demagogia…è una mia opinione personale…. il grado di civiltà di un popolo viene determinato anche dal livello di istruzione, dalle sue condizioni sociali, dalla capacità di salvaguardare il patrimonio culturale, a quanto pare noi in Italia siamo messi maluccio!!! Una nazione ha il dovere di essere armata per la propria difesa ma a quanto pare si esagera. A volte le guerre vengono costruite perchè l’industria bellica è in crisi….” Homo homini lupus”.

    Reply
  66. vamos

    basat spese militari…oltre che provocano lutti e disastri,pesano sulle tasche di noi pensionati,meno armi,meno generali e piu sanità!!!!!
    se proprio non ne possono fare a meno delle guerre ,ci sono i campi appositi dove si combattono le finte guerre per gioco..ecco costano di meno e fanno meno danni…grazie

    Reply
  67. CINZIA ALLODI

    Smettiamola con tutte queste assurde guerre!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Svuotiamo gli Arsenali!!!!!!!!!!!!!!!
    Rivolgiamo quelle risorse x rispettare e aiutare ambiente, natura e fauna!!!!!!!!!!!!!!

    Reply
  68. MARCELLO

    PERCHE???? PERCHE???? PRCHE??? ANCORA NON SI VUOL CAPIRE CHE

    LE ARMI SERVONO PER CREARE IL CAOS E FAR GUADAGNARE SOLO

    SOLO DEGLI SCIACALLI E DOPO TALE DISTRUZIONE DI MORTE VERRANNO

    COME SALVATORI PER RICOSTUIRE QUELLO CHE HANNO DISTRUTTO

    COSI’ VANNO AVANTI NEI SECOLI . E’ ORA DI DIRE BASTA,BASTA,BASTA!!!!!!!!!

    Reply
  69. fiorenza

    ho visto che c’è un’altra Fiorenza che la pensa come me e come tanti altri.Il prima possibile vanno abolite le spese militari e capisco che alcune fabbriche possono trovarsi in difficoltà,ma deve essere compito dei loro dirigenti riconvertire la produzione in qualcosa di utile.La crisi e soprattutto le guerre vanno abolite.Finchè esisteranno dittatori come Assad sarà molto difficile,perchè soltanto con la guerra sarebbe costretto a dimettersi.La comuntà internazionale deve trovare una soluzione.

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *