Tragedia in via Pistoiese vicino a dove tre ragazzi persero la vita a gennaio

image_pdfimage_print

di Laura Montanari

Un altro incidente mortale in via Pistoiese. Questa volta a rimetterci la vita è stato un ragazzo di 17 anni, Kevin De Muzio. Ieri nel primo pomeriggio era sulla sua moto Yamaha 125. Si è scontrato con una Opel che svoltava, inutili i tentativi di rianimarlo dei medici e dei volontari del 118.

Si è divorata un altro ragazzo la strada maledetta del 2009, via Pistoiese. E stavolta nemmeno c´entra la velocità. Se ne è portata via uno di diciassette anni che abitava a Signa e che in motorino andava verso Firenze. Sabato primo pomeriggio, il sole, la strada dritta, la zona della Piagge all´altezza di via Goubolovich. Su quel rettilineo si è fermato il cuore di Kevin De Muzio. Un´auto, una Opel familiare che arrivava dalla corsia opposta e svoltava verso un parcheggio ha attraversato la strada. Al volante un fiorentino di 37 anni. Non si è accorto dell´arrivo del motorino e l´impatto è stato inevitabile. E´ successo a 400 metri dalla rotonda dell´incidente dell´Epifania (tre ragazzi morti, un quarto gravemente ferito che poi si salverà). Nel colpo contro l´auto il ragazzino, studente in un istituto tecnico di Prato, è stato sbalzato dal suo Yamaha 125 e il casco forse allacciato male, è volato via lasciandolo senza protezione. Kevin De Muzio è caduto battendo violentemente la testa contro uno degli alberelli che sono appena stati ripiantati al bordo della via. Sul posto è arrivata subito l´ambulanza e un medico del 118 ha provato a rianimare il ragazzo per oltre quaranta minuti. Poi la resa. Il silenzio dentro i cordoni bianchi e rossi messi dai vigili urbani, il lenzuolo bianco disteso a terra, lo choc e la disperazione di chi era alla guida della Opel bianca, la carta di identità per rintracciare i genitori del ragazzino. Arriveranno insieme, mamma e babbo, quando il figlio è già stato trasportato all´istituto di Medicina legale di Careggi. Andranno lì per il riconoscimento.

Via Pistoiese si riconferma, statistiche alla mano, una delle strade più pericolose di Firenze. E´ ancora fresca la ferita della notte dell´Epifania quando tre studenti, Mario di 19 anni, Francesca e Margaux di 16, persero la vita qualche giorno dopo lo schianto dell´auto che li stava portando in discoteca nell´ultimo giorno delle vacanze di Natale prima di ricominciare la scuola. In quel caso non ci fu nessun frontale, perse il controllo il quarto amico, quello che era alla guida, il solo ad essersi salvato.

[Fonte Repubblica]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *