24 settembre 2018

Terra bene comune, iniziamo dalle olive… domani a Mondeggi

image_pdfimage_print

domenica 17 novembre, quando alcune squadre di raccoglitori si ritroveranno sui terreni dell’azienda agricola di Mondeggi-Lappeggi, da tempo in stato di semiabbandono. L’azienda, attualmente di proprietà della Provincia di Firenze che ha intenzione di venderla al miglior offerente, ha ospitato il 1° novembre scorso l’Incontro nazionale “Genuino clandestino” dopo il quale è stata decisa fra le altre cose quest’azione, definita dai promotori “costituzionalmente (*) coerente ma interpretabile legalmente come un illecito penale”.
L’appuntamento per partecipare alla riappropriazione è alle ore 7,45 nel parcheggio del campo di calcio di Grassina (dietro alla Casa del Popolo) “per ridurre al minimo il numero di veicoli nel principio della massima sobrietà”.
Ovviamente anche la distribuzione dell’olio ricavato seguirà principi di condivisione, ovvero “il 50% del totale delle olive raccolte e frante in olio verrà redistribuito ai raccoglitori in maniera egualitaria e non percentualmente alle quantità di olive raccolte, chi non volesse ritirarlo potrà a sua discrezione conferirlo nel restante 50% che verrà nel più breve tempo possibile, imbottigliato e redistribuito alla popolazione mediante sottoscrizione e offerta libera. Il denaro eventualmente derivato andrà a ricostituire il fondo cassa Terra Bene Comune Firenze”.

* dalla Costituzione della Repubblica italiana

Articolo 41
L’iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.

Articolo 44
Al fine di conseguire il razionale sfruttamento del suolo e di stabilire equi rapporti sociali, la legge impone obblighi e vincoli alla proprietà terriera privata, fissa limiti alla sua estensione secondo le regioni e le zone agrarie, promuove ed impone la bonifica delle terre, la trasformazione del latifondo e la ricostituzione delle unità produttive; aiuta la piccola e la media proprietà.
La legge dispone provvedimenti a favore delle zone montane.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *