Stranieri e lavoro, i magnifici diciotto di Progetto INTERLAB

image_pdfimage_print

che si è svolto a Firenze da settembre a oggi.

Mercoledì 19 giugno al Caffè Letterario Le Murate si svolgerà dalle 18 la serata conclusiva, un’occasione per fare un bilancio, salutarsi e brindare al buon proseguimento di ciò che è appena iniziato: la costruzione di un percorso lavorativo soddisfacente e appagante.

Tra quanti hanno svolto un percorso formativo in azienda – come panettiere, meccanico, gelataia, tappezziera… – alcuni pensano di rimanere in Italia e qui mettere a frutto le competenze acquisite nel settore, altri invece progettano il ritorno, con l’ambizione di creare posti di lavoro nel paese di origine.

Tra gli aspiranti imprenditori, quasi tutti coltivano progetti che in qualche modo sono legati alla propria terra, alla sua cultura e ai suoi prodotti. È il caso di Imad, giovane marocchino che dell’olio di Argan, confezionato in loco da una cooperativa di donne, vuol fare non solo un prodotto ma uno strumento per far conoscere il Marocco. Di Victoria, imprenditrice già nel suo paese, che della tradizione colombiana vuole esportare a Firenze il saporito pollo fritto. Della spiedineria “carioca” di Thalita, che ha Rio nel cuore, del ristorante peruviano di Marino, che vuol curare la nostalgia dei suoi connazionali.

Per tutti quanti, il supporto di Progetto Interlab, con le consulenze offerte da Euroteam Progetti e da Vivaio di imprese, è stato prezioso se non indispensabile, per chiarire il piano di impresa e per le tante difficoltà da superare. Una su tutte, l’accesso al credito, essenziale soprattutto per quei progetti dove serve un forte investimento iniziale, come ad esempio l’apertura di un ristorante. Per fortuna siamo in Toscana, dove la Regione ha istituito un fondo di garanzia a disposizione delle nuove imprese, soprattutto femminili.

www.progettointerlab.org

—————-

Progetto INTERLAB, cofinanziato dall’Unione Europea e dal Ministero dell’Interno nell’ambito del Fondo Europeo per l’integrazione di cittadini di paesi terzi, è stato realizzato dalla Provincia di Firenze insieme con l’Associazione Progetto Arcobaleno Onlus, attuatore con Euroteam Progetti del Vivaio di Imprese, e la Camera di Commercio di Firenze, con il sostegno del Comune di Firenze.

L’obiettivo del progetto INTERLAB è duplice: da un lato favorire l’occupabilità dei partecipanti, dall’altro scommettere sulla loro potenzialità di imprenditori e quindi sulla possibilità di far nascere o crescere nuove attività economiche.
Al Progetto INTERLAB hanno preso parte 25 persone di varia provenienza, con idee e ambizioni molto diverse tra loro. Nella prima fase di orientamento e formazione, svoltasi in aula, i partecipanti hanno potuto capire meglio come strutturare la loro idea di lavoro e di impresa e quindi scegliere come proseguire.
Nella seconda fase, infatti, alcuni sono stati avviati a una formazione in bottega presso imprese artigiane, selezionate nel territorio della provincia di Firenze tramite un bando della Camera di Commercio; altri invece hanno usufruito della consulenza di un team di esperti che li ha guidati verso lo start up d’impresa, con un’attenzione particolare alla ricerca di finanziamenti.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *