"sTraffichiamo Firenze": Pm10 alle stelle negli ultimi 10 giorni di gennaio

image_pdfimage_print
sTraffichiamo Firenze
Firenze, 28 gennaio 2010                                  comunicato stampa
«PM10 ALLE STELLE NEGLI ULTIMI 13 GIORNI DI GENNAIO».
PARTE COSI’«STRAFFICHIAMO FIRENZE», GRUPPO VIRTUALE SU FACEBOOK  PER ‘LIBERARE’ FIRENZE DA INQUINAMENTO E TRAFFICO.
«Servono i blocchi del traffico, la tramvia, la ztl, le piste ciclabili, il pedaggio di ingresso, la circonvallazione, la bretella mugellana, per ‘liberare’ Firenze dall’inquinamento e dal traffico?». A questa domanda il nuovo gruppo virtuale su Facebook e il suo fondatore, Maurizio Da Re, ambientalista “indipendente” ed esperto in trasporti e mobilità (in precedenza collaborava con WWF e Legambiente), cercheranno di dare risposte e avanzare proposte. E si comincia subito con la prima uscita sull’emergenza smog. «Finalmente è arrivato il vento che ha spazzato via lo smog da Firenze e ha interrotto un lungo periodo con le polveri fini alle stelle – afferma Da Re – le centraline Arpat hanno dato risultati pesanti sia in viale Gramsci che in via Ponte alle Mosse, dove si è arrivati a 13 giorni quasi consecutivi di superamenti, con punte anche doppie dei 50 microgrammi consentiti dalla legge per la salute umana». Infatti il 20 gennaio sono stati 112 i microgrammi di Pm10 a Ponte alle Mosse e 95 a Gramsci. «Negli ultimi anni il Pm10 è stabile e non è diminuito come sostiene Arpat – continua Da Re nel suo messaggio su Facebook – che ha messo a confronto gli utlimi dati con gli anni novanta, quando l’inquinamento era ancora più alto». Nel 2009 sono stati 88 i giorni di superamento del Pm10 contro i 35 consentiti, meno quindi del 2008 quando furono ben 98, ma nel 2007 erano stati 76, nel 2006 87, e nel 2005 78. «E il 2010 è già iniziato male – ribadisce Da Re – servono nuovi blocchi del traffico, mirati alle auto e ai furgoni più inquinanti, diesel, perchè sono efficaci per ridurre le emissioni di Pm10 nell’aria. Ma il sindaco Renzi e la Regione – conclude Da Re – non sono della stessa idea».

«Servono i blocchi del traffico, la tramvia, la ztl, le piste ciclabili, il pedaggio di ingresso, la circonvallazione, la bretella mugellana, per ‘liberare’ Firenze dall’inquinamento e dal traffico?». A questa domanda il nuovo gruppo virtuale su Facebook e il suo fondatore, Maurizio Da Re, ambientalista “indipendente” ed esperto in trasporti e mobilità (in precedenza collaborava con WWF e Legambiente), cercheranno di dare risposte e avanzare proposte. E si comincia subito con la prima uscita sull’emergenza smog.

«Finalmente è arrivato il vento che ha spazzato via lo smog da Firenze e ha interrotto un lungo periodo con le polveri fini alle stelle – afferma Da Re – le centraline Arpat hanno dato risultati pesanti sia in viale Gramsci che in via Ponte alle Mosse, dove si è arrivati a 13 giorni quasi consecutivi di superamenti, con punte anche doppie dei 50 microgrammi consentiti dalla legge per la salute umana». Infatti il 20 gennaio sono stati 112 i microgrammi di Pm10 a Ponte alle Mosse e 95 a Gramsci.

«Negli ultimi anni il Pm10 è stabile e non è diminuito come sostiene Arpat – continua Da Re nel suo messaggio su Facebook – che ha messo a confronto gli utlimi dati con gli anni novanta, quando l’inquinamento era ancora più alto». Nel 2009 sono stati 88 i giorni di superamento del Pm10 contro i 35 consentiti, meno quindi del 2008 quando furono ben 98, ma nel 2007 erano stati 76, nel 2006 87, e nel 2005 78. «E il 2010 è già iniziato male – ribadisce Da Re – servono nuovi blocchi del traffico, mirati alle auto e ai furgoni più inquinanti, diesel, perchè sono efficaci per ridurre le emissioni di Pm10 nell’aria. Ma il sindaco Renzi e la Regione – conclude Da Re – non sono della stessa idea».

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *