Spini con Renzi. Per Grassi coalizione a rischio: "I cittadini ci hanno chiesto di fare opposizione. Senza ambiguità"

image_pdfimage_print

Piano Strutturale, il mio voto contrario. Due milioni di metri cubi di cemento in più, privatizzazione aree pubbliche, nuovi tunnel sotto Firenze, nessuna attenzione per la mobilità elementare.

di Tommaso Grassi, consigliere comunale “Spini per Firenze”

“Il mio voto contrario rispetto al Piano Strutturale è dovuto alla presenza di elementi di fondo assolutamente inaccettabili, insostenibili ed anti-ecologici” – dichiara il Consigliere Comunale Tommaso Grassi. “Innanzitutto non è un piano a volumi zero, come tanto sbandierato, ma prevede quasi due milioni di nuovi metri cubi di cemento, concedendo tutto il concedibile di edificazione nelle aree di Castello, a Novoli, in Viale Belfiore, mentre il Sindaco aveva detto che avrebbe apportato riduzioni”.

“La mobilità è tutta impostata sull’uso dell’automobile, con previsione, in aggiunta al tunnel Tav, come se non fosse sufficiente, di due nuovi tunnel automobilistici: da Campo Marte a Castello, su due piani, a pagamento (project financing), e tra via Panciatichi e la Fortezza , senza contare i trafori sotto il centro storico per ospitare la tramvia”

“Altro elemento molto grave la vendita al privato di importanti aree pubbliche, del Comune, delle Asl, universitarie, della Regione, di ataf, delle poste, con possibilità di edificare edilizia privata in sostituzione di quella pubblica, facendo passare tale sostituzione da operazione a volumi zero, come se un volume di utilità pubblica avesse la stessa valenza e lo stesso carico urbanistico di uno per fini privati (senza contare che poi quelle funzioni pubbliche saranno recuperate altrove generando ulteriori volumi e consumo di suolo)”

“Sono convinto di questo voto contrario, come del dovere di chi è eletto all’opposizione di svolgere questo prezioso ruolo democratico, assegnato col voto dei cittadini”

“Altra cosa è collaborare su singoli temi ed essere costruttivi su tutto ciò che è possibile: in questo senso registriamo con favore l’apertura del Sindaco sull’area del Meccanotessile. Andiamo a vedere quello che propone e a parlarci, anche se in passato Renzi ha dimostrato di non far seguire quasi mai alle promesse e alle aperture i fatti”

“Porto grande rispetto naturalmente per scelte diverse, come il voto favorevole dato da Valdo Spini, mio compagno di gruppo, e gli riconfermo la mia stima personale. Personalmente ritengo però che sia necessario, e ora più che mai importante, mantenere e far crescere in città un’area civica, di sinistra, ecologista, che si ponga come fortemente alternativa, nei metodi, nei linguaggi e nei contenuti, al Governo renziano. Un Governo ambiguo nei suoi rapporti politici col centrodestra e con Berlusconi, in continuo conflitto con la coalizione di centrosinistra a tutti i livelli, anche su questioni che hanno a che vedere con valori storici e fondanti, come ad esempio i diritti del lavoro”

“Per questi motivi mi consulterò a breve con le forze della coalizione nella quale sono stato eletto, per decidere come proseguire il percorso” – conclude Tommaso Grassi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *