23 settembre 2018

Speciale TAV – I sette minuti più cari della storia

image_pdfimage_print

Si è calcolato che a lavori ultimati l’Alta Velocità, nata per collegare l’Italia (solo da Napoli in su) all’Europa, porterà a ridurre di circa 7-10 minuti i tempi necessari a percorrere il tratto Bologna-Firenze. Diamo un’occhiata a qualche cifra per capire quanto sono costati questi minuti in termini monetari e non solo, visto che in galleria anche i lavoratori sembrano pagare la loro quota.
1.084 milioni di euro (2.100 mld di lire): costi previsti per la tratta nel 1991-92, quando l’opera venne assegnata “chiavi in mano” a CAVET (consorzio cui partecipa anche la FIAT) pochi giorni prima che entrassero in vigore le norme comunitarie che obbligano ad indire gare d’appalto internazionali.
2.044 milioni di euro (3.959 mld di lire): costi lievitati nel 1996 poco dopo l’apertura dei cantieri.
3.150 milioni di euro (6.100 mld di lire): costi previsti nel febbraio 2000.
4.209 milioni di euro (8150 mld di lire): costi previsti 7 mesi dopo, nell’aprile 2001. Attualmente la cifra sembra già aver superato i 4.416 milioni di euro.
Ricordiamo che queste somme vengono pagate interamente con finanziamenti pubblici, al contrario di quanto previsto dagli accordi iniziali in cui si parlava – in riferimento alle normative comunitarie – di una maggioranza dei finanziamenti (60%) a carico dei privati. Ma ci sono anche altre cifre da osservare.
3.000 circa: numero dei lavoratori impiegati nei cantieri della tratta
48: ore di lavoro in galleria nei 6 giorni lavorativi alternati ad uno, due e tre giorni di riposo
4: turni di lavoro giornalieri previsti dal ciclo continuo, non necessario, come denuncia da tempo anche Medicina Democratica, per lavori di escavazione (al contrario, per esempio, dei lavori del settore siderurgico).

292: incidenti registrati dall’Osservatorio sul Monitoraggio della TAV – fonti ASL e CAVET – solo nel primo semestre del 2001 (ultimi dati aggiornati). 54 di essi sono risultati guaribili in oltre 30 giorni.
3: lavoratori deceduti nelle gallerie della tratta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *