21 novembre 2018

Sicurezza sul lavoro, l'Italia nel mirino dell'Unione Europea

image_pdfimage_print

da operaio metalmeccanico e delegato per la sicurezza, i servizi della Commissione intendono proporre all’esecutivo europeo l’avvio di una procedura d’infrazione per la violazione dell’articolo 5 della direttiva europea, relativo alla deresponsabilizzazione del datore di lavoro.

La proposta per l’avvio di una procedura d’infrazione potrebbe arrivare dall’esecutivo comunitario il prossimo gennaio.

Oltre alla violazione dell’articolo 5, Bruxelles ritiene che nell’ordinamento italiano ci siano anche altre disposizioni che possono risultare non congrue con il diritto europeo: la posticipazione dell’obbligo di valutazione del rischio di stress legato al lavoro e la proroga dei termini impartiti per la redazione del documento di valutazione dei rischi per una nuova impresa o per le modifiche sostanziali apportate a un’impresa esistente.

Fonte: Inca Cgil

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *