Sfratti, il 6 dicembre a Firenze scatta l'"Assedio alla Prefettura"

image_pdfimage_print

senza esclusione di colpi, una guerra a “bassa intensità”. Al forsennato ritmo di cinque esecuzioni di sfratto al giorno si consumano quotidiane violenze nei confronti delle nuove povertà.

Si consumano scene di violenza e di umiliazione, di offese e di vere e proprie persecuzioni, non è solo la violenza della esecuzione stessa, ma il sentirsi colpevole di essere povero che genera frustrazione e isolamento.

Un meccanismo perverso che ha costretto il Movimento di lotta per la Casa e i sindacati degli inquilini a PRESENZE quotidiane e mutuo soccorso collettivo.

Nonostante questo negli ultimi giorni l’esercizio e l’arbitrio delle esecuzioni sommarie a costretto due persone anziane al ricovero in ospedale. Uno di questi, Salvotore Lo Presti di 74 anni è vittima della violenza dei PIGNORAMENTI ed è attualmente ricoverato a Careggi.

Istituzioni e Servizi Sociali non pervenuti. Oramai il Comune di Firenze è latitante davanti alle emergenze senza fine. Così come la Regione Toscana che non finanzia pìù investimenti per l’edilizia sociale, ma stanzia macabri finanziamenti per il cosìdetto Housing sociale…

UN GIOCO AL MASSACRO CHE DEVE FINIRE. E’ORA CHE DAVANTI ALLA CRISI INFINITA SI UTILIZZINO LE RISORSE IN CASE POPOLARI E IN SALARIO SOCIALE E NON PIU’ IN GRANDI OPERE E AEREI DA GUERRA…

SENZA CASA MAI PIU’!
VENERDI’ 6 DICEMBRE DALLE ORE 9,30 IN POI TUTTE E TUTTI SOTTO LA PREFETTURA DI FIRENZE, VIA CAVOUR 2

IL MOVIMENTO DI LOTTA PER LA CASA DI FIRENZE

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *