Se casalinga non basta più

image_pdfimage_print

Si chiama ‘Diritte e diverse’ il progetto di orientamento e accompagnamento al lavoro che partirà da novembre alle Piagge. L’iniziativa, promossa dall’associazione Rete di Indra in collaborazione con Il Muretto e altri enti, è rivolta alle abitanti di Peretola, Le Piagge e Brozzi e prevede un percorso formativo con tirocini in azienda per l’inserimento o re-inserimento delle donne nel mondo del lavoro. Un percorso quindi per ‘la conquista dei diritti all’autonomia e al lavoro e all’affermazione della propria diversità di donne’ ci spiega Antonella Ruggieri, presidente dell’associazione Rete di Indra. ‘L’obiettivo – continua Ruggieri – è quello di dare alle donne delle competenze che consentano loro di lavorare con mansioni di segretariato nel tessuto della piccola e media impresa e nel commercio per sottrarle ai soli ‘inevitabili destini’, cioè: non lavorare e quindi non essere autonome, oppure lavorare nel settore delle pulizie o nell’accudimento alla persona. Con questo progetto vogliamo offrire alle donne di questo quartiere l’opportunità di ampliare il loro raggio di scelta, i loro orizzonti, di ripensarsi e quindi di ripensare il territorio in cui vivono’.
‘Diritte e diverse’ infatti non intende solo promuovere l’affermazione di diritti declinati al femminile, ma anche radicarsi nel territorio piaggese per promuoverne la crescita sociale.
‘Nel febbraio-marzo 2002 – racconta Ruggieri – abbiamo svolto una ricerca sulla vita e i sogni delle donne delle Piagge. È emerso uno scenario in cui molte donne, a causa di processi migratori o di problematiche familiari, si trovano senza l’appoggio di genitori e parenti. Drammi come la violenza familiare, la tossicodipendenza e l’alcolismo si affrontano in solitudine o con l’aiuto dei servizi sociali.
La comunità locale ha un ruolo ambivalente: le relazioni di vicinato sono intense e vivaci, ma spesso l’isolamento del quartiere rispetto al resto della città (mancanza di cinema, discoteche, locali per divertirsi e mezzi di trasporto adeguati) crea un clima claustrofobico, di ‘ghetto’ e le stesse relazioni si trasformano in un intrico di pettegolezzi che stringono ancor di più la gabbia attorno alle singole donne. L’isolamento poi è reso ancora più pesante dalla mancanza per molte donne di una vita lavorativa, che consenta di accedere ad un sistema di relazioni più allargato. Alle Piagge molte donne non lavorano, perché dedite ai LAVORI di accudimento familiare, e questo significa spesso per le donne diventare una specie di saltimbanco per far quadrare i conti a fine mese, dimenticarsi di sé stesse (poco parrucchiere, niente cene fuori, ecc.), essere indubbiamente poco autonome nelle decisioni, ecc. Ecco perché le Piagge.’
Ed ecco anche perché Il Muretto figura tra i partner sostenitori del progetto ‘Il Muretto ha le maggiori conoscenze sul contesto umano e sociale dell’area. Noi, come Rete di Indra, ci occupiamo di donne e lavoro, Il Muretto ci dà la concretezza di essere una forza viva, che nasce e si muove alle Piagge da sempre. Due competenze necessarie per la riuscita di un progetto. Poi ci sono gli altri partner, Artemisia, Cospe, Quartiere 5, Assessorato al Lavoro e Arci regionale. Ognuno di essi si sta impegnando per la riuscita del progetto. Volevamo e vogliamo fare qualcosa di davvero concreto per le donne’.
A proposito di concretezza, stanno già partendo i primi contatti con le aziende. L’assessorato al lavoro si sta attivando con Ikea e con il circuito Ipercoop, mentre la Confesercenti si è resa disponibile per cercare negozi o circuiti in cui poter inserire, in tirocinio prima e nel lavoro poi, le donne che faranno il percorso formativo.

Diritte e Diverse
Accompagnamento al lavoro ed empowerment della Diversità
promosso da Ass. Rete di Indra Onlus, Ass. Il Muretto, Centro Artemisia, COSPE, Assessorato al Lavoro e all’Immigrazione, Quartiere 5, ARCI col finanziamento del Fondo Sociale Europeo
Il progetto è rivolto a donne italiane e straniere in possesso dei seguenti requisiti:
– età superiore ai 35 anni
– disoccupate o inoccupate
– domiciliate nella zona Peretola-Le Piagge-Brozzi
– diploma di scuola media inferiore (o equivalente se conseguito all’estero)
– permesso di soggiorno
– buona conoscenza della lingua italiana.
I corsi di formazione si terranno da novembre 2002 a luglio 2002.
I moduli di adesione possono essere ritirati presso: Centro Sociale Il Pozzo, Via Lombardia 1/p, Le Piagge, tel. 055-373737, orario: 9.30-19, dal lunedì al venerdi COSPE, Via Slataper 10, tel. 055-473556, orario: 9-13/14-18, dal lun. al ven.
La scadenza per la presentazione delle domande è il 20 ottobre 2002.
Info: Associazione Rete di Indra Onlus tel. 055-241143; 339-7177652; 347-8665116
e-mail: retediindra@supereva.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *