Scandalo urbanistica, nasce lo sportello "SOS territorio" e i docenti lanciano un appello

image_pdfimage_print

Nasce a Firenze lo sportello “Sos territorio”. Ad istituirlo è il gruppo di perUnaltracittà, al quale i cittadini potranno rivolgersi a partire da oggi. I dubbi sollevati saranno raccolti ed esaminati da un gruppo di urbanisti che su base volontaria si sono appositamente prestati all’iniziativa. “Si tratta di uno strumento che non vuole certo sostituirsi all’operato della magistratura – ha spiegato De Zordo – ma che ha l’obiettivo, attraverso il raccordo fra i cittadini ed alcuni tecnici, di instaurare un contatto forte con l’intera realtà del territorio fiorentino”.

[vedi articolo su inchiesta magistratura fiorentina qui]

Un’azione che consentirà di mettere in luce eventuali irregolarità, ipotizzati abusi edilizi, situazioni poco chiare nella gestione dell’edilizia. “L’ennesima inchiesta della magistratura emersa in questi giorni – ha proseguito De Zordo – ci ha convinti ad agire in questo senso. La trasparenza nella gestione urbanistica di questa città è stata la grande assente degli ultimi anni. E’ per questo necessario che la citadinanza si mobiliti per riprendersi in mano, a partire dal basso, l’iniziativa utile a verificare lo stato delle cose”.

Questa mattina alcuni cittadini intervenuti al presidio organizzato in via Niccolò Da Tolentino da perUnaltracittà, Csa ex Emerson e comitato Sansalvichipuò, hanno già segnalato ai professionisti che si sono prestati alle verifiche, tre casi di possibili anomalie urbanistiche.

Chiunque volesse effettuare una segnalazione possono scrivere all’indirizzo perunaltracitta@comune.fi.it, oppure o telefonare a 055-2768335.

Dopo l’inchiesta sui cantieri della Quadra, arriva anche l’appello di docenti e ricercatori sulla questione edilizia che dichiarano: “Come docenti e ricercatori della Facoltà di Architettura di Firenze non possiamo e non vogliamo assuefarci a questa situazione”. Ecco l’appello e le firme.

Gli avvenimenti di questi ultimi giorni rivelano che l’illegalità e l’arbitrio nella gestione delle decisioni urbanistiche e delle autorizzazioni edilizie hanno raggiunto un livello preoccupante ed un’estensione generale, non solo nel paese, ma anche nella nostra regione e recentemente anche a Firenze, dopo Campi Bisenzio e Montespertoli.

Si tratta di fenomeni profondi, ampliati durante gli ultimi venti anni e aggravati da una normativa urbanistica sempre più evanescente, che hanno messo in gioco i principi di governo complessivo della città. Come docenti e ricercatori della Facoltà di Architettura di Firenze non possiamo e non vogliamo assuefarci a questa situazione.

Non sono più sufficienti atteggiamenti di attesa inerte o di prudente presa di distanza rispetto a comportamenti che ignorano i diritti e le leggi e calpestano la speranza dei giovani ad inserirsi nel mondo del lavoro in una prospettiva di giustizia, legalità e di competenza. Manifestiamo perciò la nostra indignazione e il nostro stato di profondo disagio per questi atti che minano alle fondamenta il ruolo dell’ architettura e in particolare dell’urbanistica.

Una disciplina, quest’ultima, nata per favorire il benessere della comunità e per formare professionisti in grado di operare secondo onestà e coscienza per la tutela del bene pubblico, nella consapevolezza che questo debba prevalere su ogni altro aspetto e dettare le ”regole del gioco”. Solo in questo quadro il nostro ruolo di studiosi, di docenti e formatori delle nuove generazioni, può essere efficace ed utile. Chiediamo perciò a chi a ha responsabilità politiche, amministrative e culturali nei settori dell’urbanistica e dell’edilizia di esprimere con chiarezza in che modo intenda provvedere al cambiamento dello stato pregresso e al ripristino delle condizioni per una corretta gestione della città esistente e delle sue trasformazioni.

I SOTTOSCRITTI DOCENTI E RICERCATORI DELLA FACOLTA’ DI ARCHITETTURA DI FIRENZE

David Fanfani, Daniela Poli, Alberto Ziparo, Manlio Marchetta, Alberto Magnaghi, Giorgio Pizziolo, Francesco Pancho Pardi, Roberto Budini Gattai, Marino Moretti, Marco Massa, Giancarlo Paba, Carlo Natali, Paolo Baldeschi, Giacomo Pirazzoli, Rossella Rossi, Carlo Carbone, Claudio Saragosa, Ilaria Agostini, Ugo Tonietti, Anna Lisa Pecoriello, Luisa Rovero, Daniele Vannetiello, Bruno Pelucca, Elisa Palazzo, Matteo Massarelli, Gabriele Paolinelli, Maria Rita Gisotti, Claudio Fagarazzi, Biagio Guccione, Lino Bellia, Susanna Magnelli, Maurizio Morandi, Anonella Valentini, Marco Paci, Massimo Gasperini.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *