Salviamo le Apuane: il 14 giugno una Marcia per la salvaguardia della montagna

image_pdfimage_print

Partirà dal Foro Boario di Lucca, Venerdì 14 Giugno, alle ore 8:30, la Marcia per reclamare la fine dell’escavazione sulle Alpi Apuane e una riconversione economica per tutto il territorio, che non solo promuoverà nuovi posti di lavoro ma potrà creare una nuova economia, un nuovo modello di sviluppo per questo territorio ormai duramente martoriato e abbandonato. Oggi le Alpi Apuane contano centinaia di cave attive per la produzione di marmo e carbonato di calcio, che impiega giusto qualche centinaio di dipendenti.

Alpi Apuane duramente sconvolte dall’escavazione del marmo che ha raggiunto livelli di vera e propria emergenza ambientale, la stessa stampa estera la annovera tra i più grandi disastri ambientali del Pianeta. Viviamo in un mondo completamente ribaltato dove chi ragionevolmente chiede la salvaguardia della Natura, dell’ habitat in cui vive con conseguente beneficio per la salute fisica, mentale e spirituale di tutte le persone, viene additato come estremista; mentre chi distrugge interi ecosistemi compromettendo seriamente i territori per perseguire un profitto per pochi a discapito di tutti, è considerato un fautore del progresso e dunque non condannabile.

La Marcia terminerà sul monte Pania della Croce il giorno 16 Giugno e alle ore 12:00 ci sarà un ritrovo a Foce di Valli (tra il monte Forato e la Pania) dove verrà stesa una scritta gigante SALVIAMO LE APUANE.

Una riconversione economica durevole necessita di ricostruire quella stretta connessione, un tempo indiscussa, tra città e territori rurali che la circondando e da cui dipende, e la montagna, in questo senso, è la generatrice per eccellenza di risorse fondamentali alla vita umana, prima fra tutte l’acqua. Questo rapporto è necessario per la sopravvivenza di entrambe le realtà.

Con questa Marcia vorremmo iniziare a ribaltare questo mondo storto, riequilibrando i rapporti in gioco verso la costruzione di economie durevoli che non debbano disintegrare il territorio per esistere, ma che si sviluppino in armonia con esso.
Un primo grande segno, a livello nazionale: la città torna verso le sue colline per salire fino alle cime dei monti, territori che potrebbe facilmente risanarsi tornando ad essere produttori di cibo di prima scelta, artigianato di qualità, turismo ambientale, allevamento e legname.

La marcia è organizzata dall’associazione giovanile Aeliante di Capannori. Nuove generazioni camminano ” insieme su sentieri di nuova Umanità “, nel ricordo di un amico, Elia, troppo presto partito ma che ha indicato la direzione: che l’uomo possa tornare a tenere in profonda considerazione l’ambiente da cui dipende, sentendosi parte di esso e non proprietario, come ben sapeva la nostra vecchia cultura contadina.

Il giorno 22 Giugno a Lucca faremo un incontro plenario del movimento Salviamo le Apuane.

TAPPE, LUOGHI E ALTRE INFORMAZIONI

NB unisciti a noi o raggiungici sul percorso in qualsiasi momento
(è preferibile trovarsi a Foce di Valli http://www.alpiapuane.it/foci-e-passi/700-foce-di-valli.html il 16 giugno alle ore 12:00) ma dovrai risolvere la tua logistica autonomamente.

Per INFO Luciano 3294931989 Monica 3498177603 Eros 3403678469

GIORNO 1 – Venerdì 14 Giugno – Foro Boario – Monte Catino – San Graziano
Ritrovo e partenza dal FORO BOARIO di Lucca alle ore 8:30. Ci saluteremo augurandoci buon cammino ci accompagnerà Don Luigi Sonnefeld. Dopo essere saliti alla Chiesa di Monte San Quirico proseguiremo in direzione di Mutigliano dove al ponte del Giglio, attraverseremo la Freddana per salire oltre Arsina verso Monte Catino, la nostra prima tappa per il pranzo, dopo circa tre ore di cammino. Dopo la sosta percorreremo un tranquillo sentiero e in 2 ore raggiungeremo San Graziano, qui consumeremo la cena al ristorante Cecconi. Ci sistemeremo per la notte nei locali della canonica o nel loggiato dove sostavano anche i pellegrini. Prima della cena ci sarà una gara di disegno e come tema abbiamo scelto la montagna. Dopo cena la giornata si concluderà con l’ascolto di una storia raccontata da Elisabetta Salvadori.

GIORNO 2 – Sabato 15 Giugno – San Graziano – Lucese – Matanna
Partenza alle ore 9 per la tappa più lunga del nostro cammino passeremo sopra il paese di Fiano e dopo una lunga traversata nei boschi sotto il Monte Acuto, arriveremo a Lucese in circa 4 ore. Qui sosteremo per il pranzo al sacco e ci riposeremo prima di affrontare la tappa che ci condurrà a Matanna, costeggiando il Monte Prana in direzione Foce del Termine e Campo all’Orzo. Dopo 3 ore e mezzo arriveremo al rifugio albergo Matanna.

GIORNO 3 – Domenica 16 Giugno – Matanna – Foce di Valli – Pania della Croce
La mattina percorreremo il tratto più bello del sentiero attraversando la Foce delle Porchette, Petrosciana fino a giungere al Monte Forato. Alle 12:00 circa ci ritroveremo tutti a Foce di Valli per stendere la scritta gigante Salviamo le Apuane e fare una breve riflessione pubblica sulla devastazione di questi monti, del creato e del nostro futuro. Poi proseguiremo salendo la Pania attraverso il Passo degli Uomini della Neve fino a raggiungere la cima della Pania della Croce dove potremo ricordare Elia e cercare di sentirlo nostro compagno di viaggio. In seguito scenderemo verso il Rifugio Rossi e poi fino al Piglionico.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *