13 novembre 2018

Salvare i redditi, tassare le ricchezze. Firma la petizione anticrisi (sul serio…)

image_pdfimage_print

Tassare del 3×1000 i patrimoni sopra i 5 milioni di euro e innalzare l’imposizione fiscale sulle rendite dal 12, 5% al 23%: queste le due principali proposte della campagna Sbilanciamoci! per ridare equità fiscale e giustizia sociale ad un paese che ne ha bisogno e per ribaltare la la logica socialmente iniqua della manovra del governo Berlusconi.

Solo dalla tassa patrimoniale potrebbero entrare oltre 10 miliardi e 500 milioni di euro, mentre dall’innalzamento dell’imposizione fiscale sulle rendite finanziarie potrebbero maturare circa 5 miliardi di introiti. Si tratta in tutto di 15 miliardi di euro: lo stesso ammontare che la manovra del governo vuole tagliare agli enti locali, alle regioni e alla sanità.

Sono due misure di giustizia ed equità fiscale che si contrappongono alle misure di una manovra sbagliata ed iniqua che colpisce i lavoratori, i pensionati e le famiglie e non contiene misure per il rilancio dell’economia.

Lo propone la Campagna Sbilanciamoci e si firma qui: http://www.sbilanciamoci.org/index.php?option=com_petizione2010

0 Comments

  1. Johnny

    Le tasse che Bersani propone solo tasse sul risparmio dei lavoratori e delle persone che già pagano ampiamente le tasse. Miliardari ed evasori fra società offshore e residenze all’estero non hanno mai pagato quel 12,5% di aliquota voluta da Prodi e dai tafazzi comunisti. Quell’aliquota viene pagata solo dai risparmi delle famiglie. Non contenti di questo Visco e compagni propongono di alzare quest’imposta al 20%. Sono di un’ipocrisia stomachevole.

    Reply
  2. Margherita

    Bersani e Visco non c’entrano un accidente con le proposte di Sbilanciamoci, che è una campagna indipendente dai partiti. In più come fai a dire che un’aliquota sulle rendite la pagherebbero le famiglie meno ricche? Mi pare che l’incubo dei “comunisti” ti accechi… informati meglio su http://www.sbilanciamoci.org

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *