"Salvaiciclisti", parte dal web la rivoluzione a pedali?

image_pdfimage_print

Il movimento nato sul web per chiedere città a misura di bicicletta continua a raccogliere migliaia di adesioni. Ha prodotto un disegno di legge e si iniziano a muovere i sindaci. Impossibile? Un ma apre un mondo. Di più, innanzitutto, “rivela” che le strade olandesi non sono nate con le ciclabili incorporate, anzi…

Mostra le immagini di città e paesi completamente invasi dalle macchine, di vecchi palazzi distrutti per far posto a grandi arterie. Fino agli anni settanta, quando sempre più cittadini iniziarono a ripensarci e a protestare per gli “omicidi da traffico” e per i tanti bambini morti sulle strade. Poi ci si mise la crisi petrolifera. E il governo decise di cambiare il volto dei Paesi Bassi. Il resto lo conosciamo.

GUARDA IL VIDEO

Quel movimento si sviluppò di casa in casa, con piccole manifestazioni quasi familiari nelle piazze fino a coprire tutta l’Olanda. Impossibile non fare un paragone con il movimento che da una ventina di giorni sta dilagando nelle piazze virtuali di mezza Europa usando il web come potentissimo veicolo di incontro, pressione, diffusione. Il manifesto “Salvaiciclisti” viaggia ormai verso le settemila adesioni, dopo essere stato proposto dal Times e rilanciato da un gruppo di blogger in Italia. Nella sua pagina facebook continua a proporre iniziative e inizia a chiedere a amministratori e politici di stringere su ricadute concrete.

La prima una settimana fa, con il disegno di legge 5presentato a firma di 61 parlamentari e che riprende alcune delle proposte del manifesto. E insieme la campagna si diffonde sugli organi di informazione, lo stesso “Times” lo registra (il movimento italiano è decisamente sorprendente) mentre comunica che il Parlamento inglese sta discutendo una legge nata proprio dalla sua iniziativa. Si muovono i sindaci. Decisamente pochi – fanno notare i promotori – ma con adesioni importanti come quella del sindaco di Milano, Pisapia. E la creazione di un documento in dieci punti per gli amministratori locali.

E’ un inizio. Rumoroso e probabilmente molto più vasto di quanto si potesse prevedere. Velleitario? Riguardatevi il video…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *