Rossi: «Aboliamo il vitalizio per consiglieri e assessori». Ma…

image_pdfimage_print

dal Corriere Fiorentino

Trovare qualcuno del Pd d’accordo con la proposta di Enrico Rossi, nei corridoi di Palazzo Panciatichi, è molto difficile. E a poco sembrano servire le telefonate di rassicurazioni ai consiglieri regionali del suo braccio destro Ledo Gori. La bomba è sganciata: «A me del vitalizio — ha detto domenica intervenendo al congresso dell’Idv — per i consiglieri e gli assessori regionali non importa proprio nulla. Anzi, aggiungo di più: dopo l’approvazione della finanziaria e del bilancio 2011, propongo di abolire subito i privilegi del vitalizio. Chi fa politica ha diritto ad una pensione dignitosa, ma non a privilegi». Certo, chi parla lo fa solo protetto dall’anonimato e dice che in fondo è solo una «mossa demagogica per sviare l’attenzione dal buco sulle Asl», ma il malessere è diffuso e arriva fino al presidente del Consiglio regionale Alberto Monaci, che ancora una volta si trova a dover difendere la «sua» assemblea dipinta come un covo di spendaccioni, e la cosa non gli va proprio giù. Lì per lì si infuria anche il segretario Andrea Manciulli (anche perché Rossi non ha affrontato l’argomento nelle ultime riunioni della maggioranza né in quelle del gruppo), che però pubblicamente ritrova il suo aplomb e dice: «La conferenza delle presidenza dei consigli regionali è la sede giusta dove affrontare questo tema. Lì stanno studiando una riforma complessiva. Però sono d’accordo con la consigliera Monica Sgherri sulla doppia indennità: anche quello è un punto su cui lavorare». Dice infatti la capogruppo della Federazione della Sinistra, insieme al verde Mauro Romanelli: «Siamo totalmente d’accordo con il Presidente Rossi quando dice di voler togliere il vitalizio per i consiglieri regionali. Lo si faccia con lo spirito di abolire privilegi tanto più odiosi oggi, di fronte ai mille sacrifici chiesti a chi non ‘campa’ di politica. Ci permettiamo di suggerire a Rossi anche un altro aspetto del problema, che grida vendetta a gran voce: la possibilità, peraltro molto praticata, che i consiglieri regionali hanno di poter continuare a svolgere la libera professione. Una proposta a Rossi: si faccia una riforma che includa di dover scegliere, una volta eletti. O l’opzione libera attività o quella da consigliere regionale. Includendo anche un provvedimento che eviti l’accumulo di più cariche elettive». Anche l’Idv, che pure attraverso il suo consigliere Marco Manneschi, aveva lanciato la proposta di innalzare da 60 a 65 l’età a cui far maturare il diritto alla corresponsione dell’indennità, dice sì all’idea di Rossi purché, spiega la capogruppo Marta Gazzarri, «la discussione non prenda una piega sbagliata, non vorrei che si pensasse che i costi della politica stessero nelle assemblee elettive; bisogna tenere conto che la nostra è già una Regione virtuosa, ma ciò non toglie che si debba ottimizzare». Nell’opposizione, perplesso il capogruppo Pdl Alberto Magnolfi: «È una battuta congressuale, che anticipa un’intenzione: quando ci sarà una proposta la esaminerò con molta attenzione».

Cos’è e a chi spetta

L’assegno vitalizio mensile spetta ai consiglieri che hanno compiuto i sessant’anni e che hanno pagato i contributi obbligatori (pari al 17 per cento dell’indennità di carica) per almeno cinque anni. Ogni consigliere insomma versa 1.436,95 euro al mese per almeno cinque anni, soldi che poi gli verranno restituiti sotto forma di vitalizio, il cui ammontare varia in relazione al numero di anni di mandato. Chi è stato in Regione solo 5 anni riceverà il 20 per cento della indennità mensile lorda, percentuale che sale al 35 per chi ci è stato dieci anni. Dai 15 anni in su la percentuale sale al 50. Il vitalizio è cumulabile e reversibile, possono usufruirne in caso di decesso coniugi, conviventi e figli.

0 Comments

  1. andrea

    a chi spetta il vitalizio ? a chi se lo dà in forza di manovra trufaldino-ladresca, in barba a tutti i colori e sotto qualsiasi latitudine politico-geografica . Se non è così , per favore segnalatemi il partito che lo rifiuta … .

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *