Romano Krlo, la voce dei Rom

image_pdfimage_print

Rom e Gagè insieme per una lunga giornata di scambio di esperienze. Si è svolta il 15 marzo scorso alla Casa del Popolo di San Bartolo a Cintoia l’assemblea pubblica “Romano Krlo, La voce dei Rom”.
L’iniziativa è stata il punto d’arrivo di un lavoro di condivisione con il popolo Rom residente nel territorio metropolitano di Firenze. L’idea dell’assemblea è nata dal Centro di documentazione Carlo Giuliani di Settignano all’interno dell’Assemblea Autoconvocata. Proprio a Settignano si sono svolti numerosi incontri con i Rom e con gli altri promotori (le associazioni Amalipè Romano, Aurora e OsservAzione, la Comunità di base Le Piagge e Fuori Binario), e sono state effettuate diverse visite agli insediamenti Rom, ufficiali o meno, per scoprire che la situazione dei campi è molto simile a quella di 20 anni fa.

Il documento finale dell’assemblea ricorda alcuni punti essenziali: i Rom sono nomadi non per scelta ma perché non accolti, e sono sempre stati tra le prime vittime delle guerre, senza averne mai dichiarata nessuna; anche i Rom hanno subito un genocidio da parte dei nazisti, quando oltre 500mila di loro furono sterminati nei campi di concentramento; in Italia Rom e Sinti sono circa 200mila, e una gran parte di loro è formata da profughi dalla ex Jugoslavia, fuggiti dalla guerra dei Balcani e da repressioni etniche; infine, l’Italia è stata più volte ripresa dell’U. E. e dell’ONU per non aver rispettato i diritti umani e civili del popolo Rom, non garantendo loro inserimento sociale, accesso all’istruzione e alla casa, ma anzi mettendo in atto politiche discriminatorie, come ad esempio nel recente pacchetto sicurezza che colpisce i Rom comunitari della Romania.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *