Rifugiati di via Slataper, servono pasti e brande per dieci giorni

image_pdfimage_print

di origine per lo più somala e in piccola parte etiope ed eritrea, che abitano in via Slataper 6 a Firenze, proprio accanto alla sede del Cospe.

Attualmente la situazione è gestita da un progetto promosso da Cat e finanziato dalla Regione Toscana con l’obiettivo di agevolare l’uscita dei rifugiati dalla struttura occupata nel giro di un anno, nel corso di un processo che, pur tra mille difficoltà, porti a un loro nuovo inserimento abitativo e lavorativo.

Adesso si sono però trovati di fronte ad una emergenza: dal 2 al 12 dicembre dovrà essere obbligatoriamente realizzata una pulizia nei locali abitati. In quei giorni queste persone, a gruppi, non potranno dormire e mangiare nelle loro stanze, ed hanno urgentemente bisogno di brandine da campo e pasti pronti.

In un contesto particolarmente difficile, in cui la protezione civile non è in grado di dare alcun supporto a causa dell’emergenza in Sardegna ed altrove, ci stiamo rivolgendo a chiunque possa fornire uno di questi beni.

Chiunque potesse fornire indicazioni di associazioni o fornire direttamente pasti pronti per circa 50 persone da portare direttamente in via Slataper o anche brandine per una durata di circa 10 gg, può inviare una mail a scalea@coopcat.it o telefonare al 339/8385000.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *