12 dicembre 2018

Renzi e i giovani dittatori? Per Pampaloni pari sono.

image_pdfimage_print

In una vetrina del centro di Firenze Renzi è paragonato ai maggiori dittatori della storia.

Chi conosce bene Renzi, chi sa come governa, giocoforza vive o lavora a Firenze. Piglio decisionista, anzi, fa proprio quello che vuole, decide dalla sera alla mattina il destino di vie, piazze, interi quartieri. Pedonalizza il centro e crea una frattura nel già traballante sistema di trasporto pubblico? Nessun problema, lo ha deciso Matteo. Impone manager incapaci al Maggio Musicale? Nessun problema, lo ha deciso Matteo. E via dicendo…

Molti degli stessi dirigenti comunali, scelti troppo spesso proprio da lui e incapaci di decidere da soli nonostante la legge che li legittima e i lauti stipendi che percepiscono, interrompono le riunioni in attesa del messaggio che dall’aere il sindaco invia compulsando sullo smartphone. Insomma, chi vive a Firenze, bazzica il Palazzo o segue la scalata del sindaco dagli ultimi anni del secolo scorso, sa benissimo di come Renzi consideri le opinioni degli altri. Utili solo se assecondano il suo volere o se funzionali alla sua scalata personale al potere.

Tra i tanti nessuno come i negozianti del centro conosce meglio il “regime” insataurato dal sindaco della “città più bella del mondo” come il novello candidato premier del neo-governo inciucista Pd, Pdl, Scelta civica, ama chiamare il capoluogo toscano. Non stupiscono quindi le foto apparse nella vetrina di Pampaloni, in via Porta Rossa, che si chiede a che età Matteo Renzi arriverà a comandare il paese, paragonadolo allo stesso tempo ai più famosi dittatori della storia arrivati a comandare in solitaria prima dei 40 anni. Da Gheddafi (27) a Mubuto (35), da Assad (35) a Mussolini (39) passando per Lukašenko (33), Castro (33) e il coreano Kim (28).

Tra poche ore molto probabilmente l’istinto italiota a farsi guidare dall’ennesimo uomo della provvidenza, scelto dall’inciucio di centinaia di parlamentari tra i più delegittimati della storia sarà finalmente soddisfatto. E Pampaloni potrà completare il suo puzzle con il numero 38. (RC)

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *