24 settembre 2018

Quelli che firmano

image_pdfimage_print

Il governo attacca i diritti dei lavoratori e la società civile risponde, aderendo alla raccolta di firme di Rifondazione e della Cgil. Rifondazione Comunista, insieme ai sindacati extraconfederali, la Fiom e i Verdi, ha raccolto 650.000 firme per estendere l’art. 18 ai lavoratori delle imprese con meno di quindici dipendenti e per il mantenimento dell’art. 35 in difesa dei diritti sindacali. Il nostro ordinamento prevede che la legge in questione non possa essere modificata, se non a favore dell’istanza referendaria, fino a quando gli italiani non vengano chiamati alle urne. La Cgil da parte sua sta raccogliendo firme per un’eventuale petizione nel caso in cui la legge di abolizione temporanea dell’art. 18 venga approvata. Lo statuto dei lavoratori è giudicato intoccabile dalla grande maggioranza degli italiani, che lo hanno visto nascere a costo di non poche ore di sciopero. È una battaglia giocata sulla dignità e sui diritti, nella quale forse l’opposizione troverà un terreno comune per costruire un’alternativa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *