Coltivare l'orto per costruire un mondo migliore. Con l'aiuto di Grow the planet

image_pdfimage_print

Alberto Latu per l’Altracittà

Altracittà ne aveva già parlato: ma oggi il social network dedicato agli orti e completamente made in Italy, si è profondamente rinnovato ed è ormai in rampa di lancio, con una nuova grafica e nuove funzionalità ancora più semplici e intuitive.

L’obiettivo principale di Grow the Planet (coltiva il pianeta) è far vivere l’esperienza dell’orto a chiunque sfruttando le possibilità offerte da internet. Vuoi per un’alimentazione più sana o per i prezzi che aumentano, ma anche per divertimento, il numero di persone che decidono di farsi un orto nel proprio giardino o nel proprio balcone è in continuo aumento: Agricoltura Italiana parla addirittura di un italiano su quattro coinvolto nella produzione di ortaggi.

Grazie a Grow the Planet, però, l’utente, oltre a imparare come coltivare, entra a far parte di una vera e propria comunità pronta ad aiutarsi e a scambiarsi le proprie verdure in eccesso. Ma andiamo con ordine. Il sito è diviso in varie sezioni: la sezione “impara” consiste in una serie di articoli dove si spiegano i trucchi del mestiere, soprattutto per i principianti che si affacciano da poco al mondo dell’orto e nella quale si possono trovare le schede tecniche di tutti gli ortaggi. Se poi si vuole partire concretamente c’è la sezione “coltiva”. Qui, grazie alla geolocalizzazione del sistema (cioè la persona stessa segnala l’area geografica dove coltiva), il sito imposta le linee guida tenendo conto giorno per giorno del clima e della zona in cui si vive. Questo perché il modo di coltivare un pomodoro ad esempio, dipende dalla temperatura e dal fatto che si stia in città o in campagna.

Una volta individuato il punto della mappa in cui c’è il vostro orto, è arrivato il momento di “disegnarlo” e di scegliere gli ortaggi da coltivare. Il disegno è facile e intuitivo, basta scegliere prima se si vuole coltivare in vasi o in un giardino, lo spazio a disposizione, e il tempo che si vuole dedicare (anche chi ha poco tempo può avere un orto!). A questo punto decidi che ortaggi vuoi coltivare inserendoli nelle aiuole o nei vasi e Grow the Planet ti guiderà con un metodo step by step dalla semina al raccolto.

Chi ha già esperienza sa benissimo che possono capitare dei periodi in cui si raccoglierà un eccesso di ortaggi. Se non vi va di mangiare zucchine per una settimana e magari variare un po’ la vostra dieta, è attiva la sezione “scambia”: qui si possono selezionare i tipi di verdura che volete barattare e scegliere tra gli utenti che vivono dalle vostre parti quali ortaggi volete in cambio. Un modo non solo per avere altre verdure nel frigo, ma anche per conoscere nuove persone.

Se poi si vuole un consiglio specifico si può cliccare su “discussioni” e sottoporre dubbi o richieste all’intera comunità di Grow the Planet.

Infine, per curiosità ed esempi di orti di successo c’è la sezione “Better World” dove vengono continuamente pubblicati articoli e news, per gli utenti non solo attivi ma anche informati.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *