21 novembre 2018

Quei bastardi abusivi

image_pdfimage_print

Nei giorni scorsi abbiamo letto con stupore una notizia allarmante: il canile del Termine a Sesto deve essere smantellato perché sorge in una zona di “rispetto aeroportuale”! Ma come, ci siamo detti, e allora l’Ipercoop? e il Meeting point del Comune? e tutto il resto? Per tacere delle case di Peretola, Brozzi, Le Piagge, che da anni costituiscono un fastidio non piccolo per le benemerite attività dello scalo fiorentino… Un’incredibile mancanza di rispetto! In effetti per il canile le cose non stanno così, o almeno non ancora. I problemi sono altri, legati alla messa a norma di strutture e impianti, intervento che richiede un sacco di soldi che la gestione – l’Unione Amici del Cane e del Gatto – ovviamente non ha. Serve aiuto, quindi, da parte di tutti, e magari anche dal Comune, che ci sembra abbia lasciato un po’ soli i volontari, che ora come ora devono occuparsi di 450 cani e 60 gatti. Al Comune anticipiamo anche un’altra preghiera: se questa storia dell’abusivismo del canile dovesse tornar fuori, è possibile approvare una variantina apposita, giusto per non mettere i cani in mezzo a una strada? Tanto, le varianti vanno di moda…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *