Publiacqua, 8 milioni di utili. Ma se li spartiscono i soci e le bollette restano alte

image_pdfimage_print

Publiacqua segna un utile record: 8 milioni di guadagni nel bilancio 2008 appena chiuso per la società che gestisce l´acqua a Firenze, Prato e Pistoia. Si aggiungono ai 5 milioni di utili registrati nel 2007: e in due anni fanno quasi 13 milioni di euro. «Però a quanto sembra anche quest´anno gli utili saranno divisi tra i soci e quindi buona parte spetteranno al socio privato, cioè Acea», denuncia il deputato del Pdl Gabriele Toccafondi.

Che ci trattino da vecchi rincoglioniti?
Che ci trattino da vecchi rincoglioniti?

E si riapre il caso. Perché Acea, la multiutility controllata dal Comune di Roma, detiene circa il 40 per cento del capitale azionario di Publiacqua e dunque le spetterà un dividendo di oltre 3 milioni di euro. «Tutto questo non è un bel segnale, perché quei soldi provengono dai cittadini che hanno pagato le bollette dell´acqua – rincara la dose Toccafondi – dov´è la sinistra fiorentina che siede nei consigli d´amministrazione, cosa fa? Lascia che questa società esulti annunciando gli utili come se quei soldi fossero stati ricavati chissà con quale geniale intuizione di mercato? Perché il Comune di Firenze, che detiene il 21,7% delle quote azionarie, non interviene?».

E mentre i partiti della sinistra tacciono parla Ornella De Zordo della lista di cittadinanza Per Unaltracittà: «Questo è il risultato del modello di gestione affidato ad una “Società per Azioni”; è questo il risultato della privatizzazione votata negli anni scorsi dal Pd e dai suoi partiti alleati: Verdi, Comunisti Italiani e Socialisti – ha commentato. Ci siamno sempre opposti a questa deriva liberista. Abbiamo sostenuto la proposta di legge popolare firmata da oltre 40.000 toscani per ripubblicizzare il servizio idrico e ignorata bellamente dal centrosinistra.  Abbattere le tariffe, garantire gli investimenti e mantenere un acquedotto efficiente – ha concluso – è possibile solo con una gestione pubblica. Quanto è successo a Parigi lo dimostra: il sindaco ha recentemente messo alla porta le multinazionali e i parigini ci hanno guadagnato 30 milioni di euro l’anno di risparmi sulla bolletta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *