25 settembre 2018

Petrella: 'Quale futuro per il World Social Forum?'

image_pdfimage_print

”Ho paura per questa terza edizione del Forum – ha lamentato Riccardo Petrella, presidente del Comitato internazionale per il Contratto mondiale dell’acqua – perche’ l’unico denominatore comune che per il momento ci vede insieme e’ il no alla guerra. Dobbiamo essere capaci, invece, di costruire una piattaforma di iniziative concrete e di mobilitazioni fondate sul diritto alla vita per tutti perche’ ogni nostra esperienza, dai contadini alle associazioni sociali, dalle ong alle reti solidali, hanno esperienze che in questo senso possono essere rilanciate e coordinate”. Petrella ravvede il rischio che ”nel momento in cui tutti sembrano d’accordo, e tutti, anche chi negli anni precedenti ci criticava, si dichiara disponibile a costruire un nuovo mondo alternativo al liberismo, questa forza si perda in un consenso indistinto senza una vera piattaforma politica”. Petrella ha chiesto al movimento l’impegno di lanciare una campagna comune ”perche’ la poverta’, che non e’ naturale ne’ inevitabile, venga dichiarata illegale in tutto il mondo e perseguita come ogni altro crimine contro l’umanita”’.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *