Pestaggio, De Zordo: "Ok azione magistratura, ma dal Comune ancora nessun chiarimento"

image_pdfimage_print
neanche un “accerteremo”.Crediamo sia interesse di tutti far chiarezza su un episodio così grave, anche per non alimentare un clima di sospetto da cui non possono scaturire cose positive. Sappiamo che le vittime di eventuali simili aggressioni rinunciano a sporgere denuncia per varie ragioni che vanno dalla precarietà anagrafica a una diffidenza verso le istituzioni che purtroppo nel nostri Paese è alimentata – come ci ha di recente ricordato l’Europa – dal trattamento che riserviamo ai profughi, richiedenti asilo e immigrati.

Restano, come è evidente, delle domande più generali in sospeso: ci sono nella Polizia Municipale, pattuglie o reparti particolarmente dedicati a ordine pubblico immigrati irregolari ecc? come sono organizzati, chi li comanda, con quali compiti precisi e quali regole? come sono selezionati? E sull’abusivismo commerciale, è consapevole la comandante che per stroncare il commercio dovrebbe dirigere le azioni della polizia commerciale verso i centri di produzione dei falsi e non inseguire i singoli venditori?

Mente aspettiamo che la Magistratura faccia luce sul fatto specifico, ci attendiamo che su queste domande sia l’Amministrazione comunale a chiarire alla cittadinanza. Solo così difenderà il buon nome della Polizia Municipale e i tanti agenti la cui condotta niente ha a che fare con abusi e scorrettezze. E si eviterà il rischio di generalizzazioni ingiuste contro cui sono insorti gli stessi sindacati di Polizia Municipale.

Aggiungiamo, a beneficio di chi si è risentito perché la questione è stata posta all’attenzione del Consiglio comunale, che la nostra stessa presenza in Consiglio ha senso anche in quanto offre la possibilità di denunciare quanto avviene in città. Questa funzione, ovvero quella di far risuonare le parole di cittadini senza voce, è proprio quella che il sindaco Renzi tende a negare quando equipara il Consiglio Comunale ad un luogo “noioso, dove pigiare un bottone”. Rivendichiamo invece che questo spazio deve e può essere occasione di esercizio di democrazia.
Intervento in aula dei Consiglieri comunali Ornella De Zordo e Tommaso Grassi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *