Piagge, pericolo Amianto. Sotto sequestro l'ex Gover

image_pdfimage_print
Riceviamo dal Comitato di Via del Pesciolino e volentieri pubblichiamo

Dopo mesi di “battaglie” è stato finalmente messo sotto sequestro dal Nucleo Operativo Ecologico (NOE) del Comando dei Carabinieri di Firenze il sito industriale ex-Gover, in via Pistoiese alle Piagge, abbandonato da anni (si trova 11.183862&spn=0.001994,0.004828&t=h&z=18″ target=”_blank”>qui), all’interno del quale è presente una considerevole quantità amianto (sotto forma di coperture di eternit). I cittadini della zona si augurano che questo possa essere il primo passo, serio e concreto, verso il definitivo smaltimento dello stesso e la definitiva soluzione di questo problema che interessa la salute degli abitanti (e di chi, in zona, studia e lavora). Per chi fosse interessato ad approfondire l’argomento http://pesciolino.wordpress.com/2009/03/18/amianto-qualcuno-finalmente-ha-capito-che-il-problema-e-serio/
Rischio amianto nell´ex Gover scatta il sequestro dell´area
Denunciati i proprietari, chiesta un´ordinanza al sindaco

di Laura Montanari

I presidenti dei Quartieri 5 e 2 si ribellano. Quello del Quartiere 1 no. Il vicesindaco Matulli tratterà. Sono le reazioni ai camion che invaderanno Firenze per i cantieri dell’alta velocità.
I sigilli li hanno messi di notte, i carabinieri del Noe: sequestrata l´area dell´ex Gover con i suoi tetti di amianto. Sequestrata anche una discarica abusiva lì vicino, zona Piagge.
«Finalmente» si lascia scappare Lorenzo Fredducci e subito si corregge tirando il freno: «ma questo è solo il primo gradino, adesso devono bonificare in fretta l´area». Lui e altri residenti, quelli del blog di via del Pesciolino, zona Piagge, da due anni e mezzo denunciano i pericoli dei tetti di amianto dell´ex fabbrica di tomaie, pelli e plastiche. Otto anni buoni di abbandono hanno fatto di quell´ex recinto industriale, un ricovero di disgraziati, di gente senza niente che accendeva fuochi e scappava ai controlli dei vigili urbani o delle forze dell´ordine. A fine dell´estate la proprietà aveva fatto costruire un muro di protezione, ma le intrusioni notturne non erano del tutto cessate e comunque la questione amianto restava aperta.
Prima l´esposto alla procura della Repubblica (era il 2007) dove si sottolineavano i pericoli dei tetti in eternit, poi il blog, le denunce sui giornali, infine, le telecamere di «Annozero» (Santoro) che hanno riacceso il caso. Adesso l´intervento dei carabinieri. Sotto sequestro sono finiti 15mila metri quadrati di superficie in attesa di bonifica e i capannoni dell´ex stabilimento in cattivo stato di conservazione. «A pochi metri dalla ex Gover c´è una scuola materna e dei giardini pubblici che non sono mai stati inaugurati» prosegue Fredducci. Via Pistoiese, periferia delle Piagge è vicino a via del Pesciolino e alle sue case.
I militari del Noe di Firenze, il nucleo che si occupa del territorio e dell´ecologia in collaborazione del comando provinciale dell´Arma hanno denunciato la proprietà dell´area per il pericolo di dispersione in luogo pubblico di cose atte a offendere (le fibre di amianto) e per il deposito incontrollato di rifiuti. Nel provvedimento di sequestro si attiva l´autorità sanitaria, cioè il sindaco, perché emani al più presto un´ordinanza per intimare alla proprietà l´immediata messa in sicurezza dell´ex insediamento industriale. In caso di inadempienza si chiede di procedere comunque direttamente alla bonifica e poi di rivalersi, nel caso lo si ritenesse opportuno, con la proprietà. Insomma dovremmo essere alla svolta, a uno dei capitoli finali di questa vicenda che tra denunce e contenziosi si trascina da anni.
Un´altra denuncia è scattata contro ignoti per abbandono di rifiuti su un´area che si trova sempre a ridosso di via Pistoiese (ma esterna all´ex Gover) e dove erano ammassati vecchi elettrodomestici, batterie e pezzi di televisori. I carabinieri hanno anche in questo caso deciso di procedere in fretta. «Ecco, già se tutto questo accadesse, ci sentiremmo un po´ meno periferia» dice uno degli abitanti, uno di quelli che non si è mai arreso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *