Occupanti per forza: Loredana e Natale

image_pdfimage_print

Riceviamo e pubblichiamo

Il Movimento di lotta per la Casa di Firenze rende pubblica la notizia di aiuto a due nuclei familiari (o quasi…) nella scorsa giornata di sabato 5 marzo. Non rendiamo noti i luoghi occupati, non solo per non facilitare il “compito degli inquirenti”, ma perchè davanti alla totale legittimità delle situazioni di disagio abitativo i luoghi diventano un aspetto realmente secondario…
Si tratta di persone che hanno avuto a che fare con profonde situazioni di disagio e che nel totale abbandono, anche istituzionale, hanno avuto la forza di raegire ai tanti soprusi che la vita riserva.
Si tratta di Natale Mele, 49 anni, il famoso bambino che ha assistito alla sparatoria di Vinci nel 1968, che ha tristemente avviato la disumana vicenda del “mostro di Firenze”, e  che la scorsa estate è ritornato agli onori della cronaca locale per aver assistito all’incendio della tenda in cui viveva insieme alla sua compagna, Loredana Carbone, in un angolino del Parco di San Salvi… Da anni Natale e Loredana, madre di un bambino di 13 anni, vivono (si fa per dire) insieme, lei convive quotidianamente con l’epilessia e a 47 anni vivere per strada con la malattia non è certamente la cura migliore. Loredana ha vissuto numerosi anni nella “Casa Gabriele”, in Via della Colonna, una struttura per ragazze madri associata al Santa Lucia di Via sant’Agostino, ben 15 anni di inserimento in “Graduatoria Sociale”, percorsi di recupero nella vita e nel lavoro, poi un bel giorno viene allontanata anche dalla struttura (tutte le strutture sono a tempo) e il figlio affidato in altra struttura a Empoli… E così il peregrinare tra le mille difficoltà quotidiane diventa quasi un incubo per la coppia che si rafforza unicamente tra l’affetto degli amici e la compagnia del cane. Ma i servizi sociali oltre l’inserimento in graduatoria poco si occupano delle altrui sofferenze e il passo dell’occupazione è un passo obbligato, così come dovrebbe essere un passo obbligato l’ASSEGNAZIONE DI UNA CASA POPOLARE alla coppia in questione e la possibilità di ricongiungersi con il figlio David…
Dell’altra situazione scriveremo domani, sperando che qualche artista della penna renda pubblica questa notizia, che notizia in una società civile non doveva mai diventare… perchè tutto questo non accada, davvero, mai più!

gli amici di Natale e Loredana con il sostegno del Movimento di Lotta per la Casa

0 Comments

  1. mariangela

    conosco poco la storia, vi ringrazio per ricordarla, ora ho un groviglio di serpi nello stomaco se penso alla Saccardi che distrugge 5 case mobili “affinchè non vengano occupata da abusivi..” e lo dice con soddisfatto piglio di giustiziera al tiggì, io non dico cosa spero le venga…

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *