Novità dai Consigli degli Stranieri

image_pdfimage_print
  • dall’altra c’è stato uno scambio con avvocati di diverse associazioni ed è stato richiesto un incontro con la Questura per sollecitarla su 4 punti: moduli più semplici, informazione più chiara, mediazione culturale e creazione di un U.R.P. Proseguono inoltre gli incontri con i quartieri sulla cooperazione internazionale, specificamente sui progetti verso il terzo mondo, sulle donne e sui minori.
    Sebbene sia da poco che queste persone sono diventati “politici” – o forse proprio per questo motivo – sembra che abbiano capito (o almeno ci provano) le esigenze e gli interessi di chi rappresentano, agendo in modo conseguente.
    Il problema è la visibilità del loro sforzo. Se si domanda ai comuni cittadini stranieri, si riscontra una quasi totale ignoranza delle attività del Consiglio e a volte persino della sua esistenza. E in questi casi la visibilità è parte importante della formula del successo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *