Mussolini, un mito per smemorati

image_pdfimage_print

di Milena Calluna

A dispetto della Storia, ancora oggi ci sono persone affezionate alla figura
di Mussolini, che rivendicano con orgoglio il loro essere fascisti. Per questo
abbiamo deciso di ricordare qui con poche righe chi era il Duce. Rinfrescare
la memoria non fa mai male, e potrebbe risparmiarci una rovinosa ricaduta

in una malattia da cui, purtroppo, non siamo ancora vaccinati.
Benito Mussolini è stato il fondatore del Partito nazionale fascista, il cui programma politico era nazionalista, autoritario e radicale. Prese il potere in modo violento con la Marcia su Roma nel 1922, e tre anni dopo era già a capo di una dittatura. Le leggi “fascistissime” gli dettero pieni poteri, mentre iniziava il martellamento della propaganda che magnificava la sua figura virile e le sue gesta. Nei suoi discorsi “il Duce” esaltava i valori della patria, della famiglia, dell’azione e dell’eroismo, ma non fu lui ad andare in Africa a “fondare l’Impero” né a combattere sul fronte in Grecia. Dopo la sconfitta dei
tedeschi e la breve parentesi della Repubblica Sociale italiana, tentò di fuggire ma fu catturato dai partigiani che lo fucilarono. Era il 28 aprile 1945.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *