Mondiale brasiliano, Mundialito africano

image_pdfimage_print

Con la meritata vittoria del Centro Culturale “Etnie” si è concluso domenica 23 giugno il primo mundialito di calcio organizzato dal Comune di Firenze con la collaborazione di ANOLF CISL e la gestione tecnica dell’AICS, nella prospettiva che lo sport possa rivelarsi un momento importante di conoscenza e scambio reciproco.
Il torneo ha visto ai nastri di partenza 12 squadre in rappresentanza di comunità di immigrati e associazioni di volontariato dell’area fiorentina. Le squadre, suddivise in tre gironi, si sono affrontate con molta sportività. Dopo la prima fase, con incontri di sola andata, si sono svolte le semifinali cui hanno partecipato le vincitrici dei tre gironi e la migliore seconda. Nel primo girone l’ha spuntata il centro culturale Etnie su Albania, Iran e una rappresentativa di dipendenti comunali. La squadra Etnie, composta in larga misura da cittadini senegalesi, forse galvanizzati dai successi riscossi dai loro connazionali nei mondiali di Corea e Giappone, ha dominato il girone. Nel secondo raggruppamento (il più equilibrato), l’ha spuntata la squadra della Costa D’Avorio che ha avuto la meglio su Romania, Anolf Cisl e Sri Lanka. L’ultimo girone ha visto la promozione alle semifinali di due squadre, Anelli mancanti e Camerun (migliore seconda) che hanno avuto la meglio su Università di Firenze e Kosovo.
Nelle semifinali si sono affrontate Etnie – Costa D’Avorio e Camerun – Anelli Mancanti. La vittoria ha sorriso ad Etnie e Camerun che si sono poi scontrate nella finalissima di domenica 23 giugno. Nel derby tutto africano hanno avuto la meglio i giocatori di Etnie che, con un netto 6-1, hanno liquidato i pur bravi e mai domi camerunensi. Che sia nato qualche emulo di Diouf, Camara e Buoba Diop?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *