Molto più di un pasto

image_pdfimage_print

Coinvolge tutto il quartiere l’iniziativa del pasto domenicale per i senza dimora, portata avanti dall’associazione Aurora nella chiesa sconsacrata di via de’ Macci.
“La partecipazione degli abitanti della zona è significativa” ci racconta Stefania Micol “Tra i negozianti possiamo contare su un macellaio di S. Ambrogio e un fornaio di via Ghibellina, e alla vigilia della domenica le signore fanno a gara per chi cucina. Siamo convenzionati anche col Banco Alimentare, ma, tanto per dare l’idea, lo scorso Natale ci sono arrivati solo panettoni e cioccolatini… Abbiamo sempre bisogno di cibo e accettiamo donazioni di ogni tipo, anche asciugamani e prodotti per l’igiene personale”.
L’associazione, da anni impegnata nel sostegno di donne, bambini, disabili e immigrati, da sette mesi opera anche come centro diurno per senza tetto e organizza ogni domenica una cena per 40 persone, grazie alla partecipazione di 50 volontari.
“L’iniziativa è nata dalla considerazione che la domenica altri servizi, come la Ronda della Carità, sono sospesi. Inoltre” continua Stefania “le nostre cene vogliono essere un momento di comunicazione. Dalle 16.00 alle 19.00, prima della cena, prende vita un centro di incontro e di attività culturali di ogni tipo, promosse dagli utenti stessi. Ed è questo che loro cercano qui; vengono per fare colazione, per farsi la doccia, ma soprattutto cercano un posto dove conoscere persone e scambiare qualche parola”.
Inoltre gli utenti del centro si sentono responsabili della struttura: “Facciamo i turni per pulire i bagni, o la cucina” ci spiega Armando, “perché io sono siciliano, però la voglia di lavorare ce l’ho!”, scherza.
Questa importante realtà di cooperazione e ascolto reciproco (l’unica del genere in tutto il centro storico) rischiava l’anno scorso di scomparire per fare spazio a un non meglio identificato “centro culturale di alto livello”. “Abbiamo avuto il nulla osta della Sovrintendenza per i lavori di messa a norma, e per adesso sembra che tutto sia rientrato. A meno che il nostro bacino d’utenza non ostacoli la “riqualificazione” del centro storico…”.
L’associazione si mantiene, oltre che con le donazioni dei volontari, con un mercatino dell’usato che cinque anziani del quartiere portano avanti da tredici anni, ma l’obiettivo è quello di superare la fase assistenziale e creare un vero e proprio laboratorio per gli utenti del centro. “Abbiamo pensato a cose come la decorazione di tovagliette di carta per i ristoranti, ma è solo un’idea. Abbiamo bisogno di proposte e soprattutto di aziende che si rendano disponibili”, è l’appello di Stefania.

Associazione Aurora
Via De’ Macci 11 – Tel 055 2347593

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *