11 dicembre 2018

Mobilitazione del 18 e 19 ottobre. Tutti insieme contro l'austerità

image_pdfimage_print

Spazi Liberati aderisce alle due giornate di mobilitazione nazionale del 18 e 19 ottobre per il diritto al lavoro, per salari e pensioni dignitosi, per un reddito per tutti, per il diritto alla casa e all’abitare, per la scuola e l’istruzione pubblica, per la sanità pubblica, per la difesa dei beni comuni.

Aderiamo e invitiamo a partecipare alla giornata di sciopero generale di venerdì 18 Ottobre e alle manifestazioni che si terranno a Roma, a Firenze e in altre città per unirsi nella lotta contro le politiche di austerità portate avanti ad ogni livello da amministrazioni locali, governo nazionale e istituzioni europee e sovranazionali.

Aderiamo alla manifestazione del 19 Ottobre a Roma per il diritto all’abitare, contro la precarietà e la rendita, praticando il diritto alla casa e al reddito.

Ogni giorno donne e uomini in questo Paese vengono schiacciati dall’oppressione dei più forti, dalla finanza e da una politica incapace di mettere al centro del proprio agire i bisogni delle persone e la difesa dei beni comuni.

Crediamo, come già pratichiamo sul territorio fiorentino, che la risposta sia rompere l’isolamente delle singole lotte, creare condivisione di analisi, conflitti sociali e mobilitazioni fondate sulle buone prassi di resistenza che pratichiamo quotidianamente sui territori in cui viviamo e operiamo.

***

Spazi Liberati è: Abitanti a piede libero (PT), Associazione Pantagruel (FI), Comitato No Tunnel Tav (FI), Comitato contro la terza corsia Firenze-Mare, Comitato contro la privatizzazione di Ataf (FI), Comitato San Salvi chi può (FI), Comunità delle Piagge (FI), Coordinamento comitati Ato Toscana centro, Fondo etico e sociale delle Piagge (FI), Forum toscano dei movimenti dell’acqua, Fuori binario (FI), l’Altracittà – giornale della periferia (FI), Lo Sbertoliano (PT), Mag Firenze, Medicina democratica (FI), perUnaltracittà – lista di cittadinanza (FI), Rivolta Il Debito (FI).

http://spaziliberati.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *