Microcredito, sabato 26 incontro nazionale alle Piagge

image_pdfimage_print

Il 26 settembre è una di quelle date da segnarsi sul calendario. Alle Piagge si ritrovano, grazie all’iniziativa “Amic®credito” voluta dal Fondo etico, tutte le più importanti realtà italiane che hanno prodotto sul loro territorio progetti di microcredito al di fuori dei circuiti tradizionali delle banche.  Si tratta del cosiddetto microcredito di prossimità, l’unico in grado di sostenere economicamente coloro che hanno bisogno di denaro (e che sono rifiutati come “non bancabili” dagli istituti di credito) e al tempo stesso di “fare comunità” all’interno del quartiere in cui vivono chi presta il denaro e chi lo riceve.
Il microcredito negli ultimi anni è esploso, fino a diventareuna vera e propria moda. Nato con l’obiettivo di sostenere chi è ai margini e privo di garanzie tradizionali, nel tempo il microcredito è diventato una sorta di “piccolo prestito”, di poche migliaia di euro, erogato dalle banche a chi comunque offre delle garanzie (una casa, la firma dei genitori e via dicendo). L’incontro piaggese del 26 settembre serve quindi anche a ribadire il senso originario di un progetto nato negli anni Settanta per favorire l’impresa economica delle donne del sud-est asiatico. Sarà l’occasione per un confronto aperto e costruttivo tra coloro che con grande fatica stanno per strada, vivono in prima persona le difficoltà economiche degli abitanti del loro quartiere e si ingegnano con associazioni, cooperative, finanziarie solidali, per sovvertire l’ordine delle cose a cui siamo ormai assuefatti, ovvero che il denaro si presta solo a chi già ne ha.

Questo il programma della giornata, che si svolgerà presso il Centro Sociale Il Pozzo alle Piagge, in Via Lombardia, 1p, tel. 055 373737:

10,30-13,00 Esperienze di Microcredito a confronto
Testimonianze, scambio e condivisione tra realtà territoriali di microcredito.
Parteciperanno: Fondo Etico e Sociale delle Piagge (Firenze); Comitato per il microcredito al rione Sanità (Napoli); Fondo Essere (Firenze); Progetto SeMe (Firenze); Associazione “Non da sola” Mag 6 (Reggio Emilia); Mag Venezia (Venezia); Mag Verona (Verona).
Moderatore Giulio Marcon (Sbilanciamoci)

13,00-15,00 Punto Ristoro con spuntini a prezzi equi
15,00-18,00 Giochi e Laboratori sul denaro
18,00-19,30 Dialogo con don Alessandro Santoro (Comunità delle Piagge)
20,00-22,00 “Cena Onesta” curata dalla Cooperativa EquAzione
dalle ore 22,00 Musica e Balli con i SUONATORI DELLA LEGGERA

Saranno presenti tavoli informativi e interattivi su: microcredito; banca del tempo; mag; libri; moneta sociale; baratto; decrescita; antiusura; impronta ecologica; banche armate.

Sarà inoltre possibile aderire all’Associazione Verso Mag Firenze per la creazione della prima finanziaria solidale fiorentina. Per costituire la MAG sono necessari 600mila euro: finché non sarà raggiunto questo obiettivo – l’associazione si è data tre anni di tempo – i soldi versati andranno a MAG6 di Reggio Emilia che li presterà secondo i criteri della finanza solidale.
Ricordiamo che per aderire all’associazione la quota è 10 euro, mentre ogni quota di capitale sociale è pari a 25 euro. Per saperne di più, si può visitare il sito www. magfirenze.it o scrivere a info@magfirenze.it.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *