Manifesti fascisti col timbro del Comune. Accade a Firenze

image_pdfimage_print

Riceviamo e pubblichiamo

perUnaltracittà: “Siano rimossi immediatamente”

Che a Firenze riempire i muri di manifesti dell’estrema destra fosse di moda ce ne eravamo accorti da tempo, e l’avevamo anche fatto presente. Nonostante che il Sindaco in persona avesse promesso sanzioni esemplari e – soprattutto – una pulizia radicale dei muri deturpati dalle varie casapound o casaggi, le strisciate di manifesti sono sempre lì.

Ora però si va oltre: manifesti di un sedicente movimento “Fascismo e libertà” con tanto di fascio littorio in bella evidenza sono apparsi in centro, con tanto di timbro del servizio affissioni del Comune di Firenze. Ma gli uffici comunali non controllano quello che autorizzano? O qualcuno ritiene normale la propaganda fascista? E’ stata anche riscossa la relativa tariffa, con ricevuta al “Movimento Fascismo e Libertà”? perUnaltracittà chiede pertanto la rimozione immediata dei manifesti e una verifica sulle responsabilità dell’amministrazione.

0 Comments

  1. aldo piombino

    la cosa oscilla tra il pazzesco e l’assurdo.
    non ci potrei credere senza averli visti

    ma il problema è che i fascisti di oggi mica sanno cos’era il fascismo e se provi a farglielo capire non c’è un sordo più sordo di chi non vuole sentire….

    Reply
  2. ABCATJIA1943

    Tutto lapalissianamente vero!!! Più vero di così si muore!! E allora che ci stanno a fare tutte quelle bandire rosse falce martellate che dalla fine della guerra sventolano uno per due in ogni dove, in un paese COSIDETTO democratico? Bandiere che inneggiavano ed inneggiano al più bieco totalitarismo che ha fatto in tutto il mondo ben 80 milioni di morti? Due soli piccoli esempi esplicativi rappresentano fortemente l’intento di annientare coloro che si sono messi di traverso al cammino dei Padri della patria!! Ucraina 1932, dekulakizzazione e successiva morte per fame di ben 10 milioni di contadini privati del loro sostentamentento primario, terra e pane!!! Giuliani/Dalmati 1945 e oltre, trucidati, infoibati dalle milizie titine ben coaudiuvati dai partigiani di Togliatti. E allora??? Di cosa si sta a disquisire? Di cencio che dice male di straccio? Ma fateci ridere va!!!!

    Reply

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *